BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

M5S vs NAPOLITANO/ E se in carcere finissero Beppe Grillo e Casaleggio?

Giorgio Napolitano (Infophoto) Giorgio Napolitano (Infophoto)

Poiché c'è un limite a tutto, credo abbia fatto bene il Presidente da Cracovia ad alzare la voce, dichiarando che quelli che parlano così, i grillini, non conoscono la tragedia delle carceri, l'umiliazione dell'onore e dei valori democratici del Paese che ne viene, e se ne fregano – per un volgare calcolo di bottega elettorale, aggiungo io – dei problemi dell'Italia e della sua gente. Non è un caso che ai grillini si siano affiancati solo esponenti della Lega, tornati a fare gli sceriffi padani. 

Purtroppo con queste dichiarazioni dei 5 Stelle siamo in presenza dell'ennesimo episodio di una politica che anziché parlare alla testa e al cuore del Paese parla alla sua pancia, al risentimento sociale, per eccitarlo all'ingenerosità, a non veder altro bisogno che il proprio disagio. Ma se questo disagio ha molte ragioni dalla sua parte e può essere compreso, e chiede un impegno straordinario, quello che è indecente e politicamente pericoloso è il suo spregiudicato utilizzo per capitalizzare consenso populistico a basso prezzo. Ai grillini non interessa affatto contribuire a risollevare la parte più esposta e angosciata del Paese dal suo disagio, ma trarne vantaggio ed eccitarlo offrendogli un quotidiano nemico da odiare nella politica che cerca di fare qualcosa e nelle istituzioni. E così Berlusconi che non c'entra niente è tirato in ballo per impedire di risolvere il dramma di migliaia di poveri disgraziati, che la pena evidentemente per Grillo&Co non deve rieducare, riavvicinare alla società, ma affliggere. 

Siamo in piena strategia del tanto peggio tanto meglio. Speriamo che gli italiani sappiano trarre le conseguenze, al momento opportuno, del contributo di qualità che i grillini stanno dando a questa legislatura.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
09/10/2013 - Grillo & C. in carcere? Why not? ...Un mesetto... (Luigi PATRINI)

Gianfranco D'Atri non ha tutti i torti, ma neppure si può dargli ragione. Cambiare nei fatti non è facile come dirlo: certo ci vorrebbe davvero più impegno. Ed anche più rispetto per gli elettori. Però il titolo dell'articolo è davvero ...intrigante. Perché non fare una bella denuncia per vilipendio del Capo dello Stato? Non dovrebbe essere "automatico" di fronte a certi modi di dire e di fare? Io non condivido tutto ciò che Napolitano dice e fa (per esempio, i nuovi senatori a vita, poteva proprio risparmiarceli...) ma il Capo dello Stato rappresenta anche noi cittadini e il sig Grillo ed i suoi Accoliti dovrebbero rispettarlo: non solo come persona, ma anche per quel che rappresenta... Un mesetto al fresco, non di più, certo, magari a pane e acqua... farebbe bene anche alla linea e alla salute.

 
09/10/2013 - 55telle (gianfranco d'atri)

IL MOVIMENTO si interessa , E COME, della Gente. Ieri un gruppo di lavoratori in mobilita' ,senza soldi da mesi e senza prospettive, ospiti xche' cittadini alla Camera,blindata all esterno per proteggere la Casta, ha recitato l'art. 1 della Costituzione ITALIA repubblica...FONDATA SUL LAVORO !!!! Solo il GRUPPO 5 STELLE ha applaudito, gli altri hanno aspettato che gli uscieri espellessero i manifestanti la loro condizione. Non basta svuotare le carceri..ma anche riempire i portafogli della maggioranza di coloro che saranno liberati.questo non interessa berlusconi, ma gli immigrati, icondannati per droga e piccoli delinquenti che se non esiste un piano di recupero sono destinati a rientrare. nessun cenno di Napolitano a questi problemi: per questo alto il rischio che pensi cmq a berlusconi, che eventualmente non sará condonnato solo per reati fiscali.