BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAOS PDL/ Ghelfi (Tg2): Berlusconi "vuole" la scissione per recuperare voti

Pubblicazione:venerdì 15 novembre 2013

Silvio Berlusconi con Angelino Alfano (Infophoto) Silvio Berlusconi con Angelino Alfano (Infophoto)

Nelle passate legislature, in casi analoghi il Parlamento, effettivamente, ha temporeggiato. Questa volta, tuttavia, entra in ballo la pressione dell’opinione pubblica sul Pd e sull’M5S perché a Berlusconi non venga data una concessione del genere. Anche se l’operazione riuscisse, Berlusconi si sentirebbe in ogni caso spazzato via per ragioni giudiziarie.

 

I due partiti derivanti dalla scissione, come si rapporteranno?

Berlusconi cercherà di capitalizzare al massimo la sua collocazione all’opposizione. Non perderà occasione per criticare le politiche economiche del governo e recuperare consensi. Non è escluso, in ogni caso, che il partito di Berlusconi, in futuro, possa allearsi con i moderati del Pdl. Già adesso notiamo una situazione analoga: il Pdl è al governo, Fratelli d’Italia all’opposizione. Eppure, correranno uniti alle prossime elezioni e lo hanno fatto alle scorse. Lo scenario futuro, quindi, potrebbe vedere gli alfaniani al governo, Berlusconi e Fratelli d’Italia all’opposizione e, alle urne, tutti e tre uniti. D’altra parte, a sinistra la situazione non è così diversa: il Pd e Sel erano coalizzati, e nonostante le posizioni distinte rispetto all’esecutivo, lo saranno anche in futuro.

 

(Paolo Nessi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.