BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SCENARIO/ Caldarola: Renzi spacca anche il "partito Repubblica"

Carlo De Benedetti (Infophoto)Carlo De Benedetti (Infophoto)

E dove vanno? Gli eventuali scissionisti del Pd avrebbero gli stessi voti di Alfano se facesse un partito suo. L’elettorato non è disponibile a seguire le sirene dei reduci dai vecchi partiti.

 

Cosa vuole l’elettorato? Non dovrebbe mal digerire anche Renzi?

Lo preferisce comunque al vecchio establishment. E intende metterlo alla prova.

 

Renzi, di recente, ha detto che la Cancellieri si sarebbe dovuta dimettere e che se Letta non fa nulla è meglio che vada a casa. Tutto lascia intendere che, quando guiderà il Pd, renderà la vita al governo particolarmente dura.

Che la tenuta del governo con Renzi segretario sia a rischio è evidente. Facilmente, potrebbe imporre un’accelerazione agli eventi, pretendendo da Letta particolari iniziative e dicendosi disponibile a soluzioni alternative a questo esecutivo se non riuscisse a metterle a punto. D’altra parte, questo governo trae paradossalmente forza dalla debolezza dei suoi sostenitori e un Pd con Renzi segretario sarebbe tutt’altro che debole.

 

Dopo che Renzi avrà, eventualmente, fatto cadere il governo di Letta, sarà ancora possibile una convivenza tra i due?

Il fatto che Letta abbia partecipato alla presentazione del libro dei due portavoce di Bersani (Stefano Di Traglia e Chiara Geloni), lascia intende che stia maturando in lui la consapevolezza dell’imminenza dello scontro con Renzi e che stia cercando un alleato. L’intesa tra i due sarebbe nell’interesse di entrambi, ma temo che la competizione sia inevitabile.

 

La scissione dei popolari verso il centro, e la costruzione in un partito di cui facciano parte anche i moderati del Pdl, Alfano e lo stesso Letta è un’ipotesi praticabile?

E’ fantasia che ne faccia parte Letta. E, dato che in una formazione del genere sarebbe l’unico ad avere le caratteristiche del leader, un tale partito – come dimostra l’avventura di Monti – non andrebbe da nessuna parte.

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.