BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZIAMENTO DEI PARTITI/ Corte dei conti: tutte le leggi dal 1997 a oggi sono incostituzionali

Dubbio di legittimità e di costituzionalità dele leggi sul finanziamento dei partiti a partire dal 1997 a oggi, in quanto contrarie a quanto espresso dai cittadini con il referendum del 199

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Per il procuratore del Lazio della Corte dei conti tutte le leggi che sono state fatte dal 1997 a oggi a riguardo del finanziamento dei partiti sarebbero incostituzionali. Il motivo? Essere state fatte senza tener conto di quanto espresso dai cittadini con il referendum del 1993. Per arrivare a questo giudizio, ha spiegato, si è dovuto indagare sul caso dell'ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi. Il referendum, ha detto ancora durante una conferenza stampa, fornì indicazioni precise sulla volontà del popolo italiano e cioè il no "alla persistenza delle erogazioni di contributi statali a beneficio dei partiti politici e dei movimenti e/o gruppi ad essi collegati". Si tratta dunque di un problema di legittimità sulle leggi stesse, "apertamente elusive e manipolative del risultato referendario, e quindi materialmente ripristinatorie di norme abrogate". Queste leggi a partire dal 1997 hanno invece ripristinato quanto abrogato dal referendum con "artifici semantici". 

© Riproduzione Riservata.