BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BERLUSCONI CANDIDATO?/ Casellati (Fi): ecco perché non si presenta in Estonia

Silvio Berlusconi (Infophoto) Silvio Berlusconi (Infophoto)

Tecnicamente, l’ipotesi non è ancora stata approfondita nel dettaglio. In ogni caso, quando abbiamo affrontato il tema della decadenza in Giunta, abbiamo posto il sindacato di di legittimità Costituzionale non solo per comprendere se la questione fosse manifestamente fondata, ma anche perché, appunto, in Europa, vigono leggi diverse.

 

Ci spieghi.

Il principio della retroattività della legge penale, in Europa, è scontato. Ci eravamo, quindi, posti dei dubbi che potessero riguardare le elezioni europee; ma, più che altro, per sottolineare tutti i problemi che la legge Severino ha indotto. Specialmente, in merito all’applicabilità al caso specifico di Berlusconi. Tuttavia, la Giunta per le elezioni ha bypassato il problema affermando che la decadenza rappresenta una sorta di presupposto, e non un effetto o una sanzione. La sanzione, penale, civile o amministrativa, infatti, avrebbe avuto il carattere della retroattività. In sostanza, si è prima deciso che sarebbe dovuto essere espulso e, in seguito, sono state create le condizioni per farlo.

 

Berlusconi potrebbe candidarsi alle Europee, ma in Italia?

Secondo noi, finché non si risolverà definitivamente la questione dell’incandidabilità, è molto difficile.

 

Confidate nelle Corti europee per il ribaltamento della sentenza?

Vede, i presupposti per definire l’illegittimità della decadenza prevista dalla Severino c’erano anche nell’ambito del dibattito in Giunta. Eppure, è andata come è andata. C’è da sperare, quindi, che non prevalgano le ragioni politiche rispetto ai principi di diritto. 

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.