BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Emiliano (Pd): la vittoria di Renzi rafforzerà il governo Letta

Pubblicazione:giovedì 7 novembre 2013

Matteo Renzi (Infophoto) Matteo Renzi (Infophoto)

Anzitutto, non è stato reso noto il metodo con cui si è giunti a questa conclusione. In ogni caso, anche se prendessimo per buoni questi dati, non avrebbero alcun valore. Per esempio, a Bari, ha vinto Ubaldo Pagano, che ha dichiarato che vota per Renzi. Tuttavia, chi vota per Ubaldo non sono solo gli elettori di Renzi, ma anche quelli di Cuperlo, di Civati e di Pittella. Inoltre, alle primarie per votare il segretario, ci sarà una platea allargata non solo ai militanti.

 

Secondo lei, in ogni caso, chi vince?

Renzi non solo è quello che ha più chance di vittoria, ma vincerà pure a mani basse. Ma questo, poco importa. Ciò che conta, invece, è che restituirà al Pd un ruolo politico nazionale, e saprà invertirne la rotta, a differenza della candidatura di Cuperlo che, come è noto, è stata messa in piedi dall’establishment sconfitto, che spera così di salvarsi.  

 

Il Pd di Renzi che atteggiamento assumerà nei confronti del governo?

Continuerà a sostenerlo. Spronandolo affinché, finalmente, faccia la sua parte. Attualmente, infatti, è immobilizzato.

 

Da cosa?

Berlusconi è combinato come ben sappiamo, mentre il Pd è privo di direzione politica; di conseguenza, l’esecutivo non ha linee di indirizzo.

 

Nel merito, quindi, cosa farà Renzi?

Darà un contenuto politico al partito. Facendo in modo che il governo rimetta qualche soldo in tasca agli italiani, finanziando con il taglio della spesa pubblica il taglio delle tasse. In secondo luogo, occorre rivoluzionare la sanità: costa troppo e dà pochi risultati. Dobbiamo ripristinare la presenza di tecnici e professionisti nei ruoli chiave. Non dovrà più essere la politica, per intenderci, a indicare i direttori delle Asl.

 

Renzi potrebbe arrivare al punto di decidere di non sostenerlo più?

Non toglierà la fiducia al governo. Benché, in esso, non abbia per ora alcuna fiducia. E non mi riferisco di certo a Letta, una delle migliori personalità politiche del Paese che, tuttavia, rischia di essere bruciato dalla situazione così come è stato distrutto Mario Monti (che, a dire il vero, ci ha messo del suo). Sarebbe un peccato perché, in futuro, potrebbe ricoprire qualunque ruolo.

 

Quando Renzi sarà capo del Pd e, magari, pure candidato premier, che ruolo potrà assumere?



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >