BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Violante: c'è una maggioranza per fare la legge elettorale

Pubblicazione:sabato 9 novembre 2013 - Ultimo aggiornamento:domenica 10 novembre 2013, 9.50

Luciano Violante (Infophoto) Luciano Violante (Infophoto)

Personalmente, non ho condiviso la possibilità che chi non si fosse iscritto nel 2012 potesse iscriversi per il 2013 fino a un secondo prima del voto; a suo tempo, ho fatto presente che un sistema del genere avrebbe indotto i fenomeni a cui stiamo assistendo. E’ inevitabile che nel momento in cui si consente a chiunque di eleggere il segretario del partito (e non, attenzione, il candidato premier), si determinano delle forzature. Il nodo della questione, quindi, è legato alla concezione del Pd: è il partito degli elettori, dei simpatizzanti e dei passanti, oppure è il partito degli iscritti? E’ questa la distinzione di fondo tra Renzi e Cuperlo. Fermo restando che sono avvenuti fenomeni inqualificabili che vanno sanzionati pesantemente, mi piacerebbe che anche gli altri partiti accogliessero la sfida di celebrare pubblicamente un congresso come stiamo facendo noi, magari cercando di fare meglio di noi. 

 

(Paolo Nessi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.