BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LEGGE ELETTORALE/ Giacchetti (Pd): Renzellum o Mattarellum, anche senza Alfano

Pubblicazione:mercoledì 18 dicembre 2013 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 18 dicembre 2013, 8.47

Infophoto Infophoto

Guardi, ci ho rimesso parte della mia salute perché ritenevo che fossero assolutamente da scongiurare sia il mantenimento del Porcellum, che la legge emersa della sentenza della Consulta. Di conseguenza, non mi appassiono particolarmente sui dettagli dei vari modelli. Come è noto, sono favorevole al Mattarellum, ma va bene anche il “Renzellum”; l’importante, però, è che si realizzi una legge il più possibile condivisa, che consenta agli elettori di scegliersi i propri rappresentanti, di rafforzare il bipolarismo e che chi vinca possa governare per 5 anni.

 

Verosimilmente, è possibile una convergenza con Forza Italia?

E chi può dirlo? Francamente, non si capisce quale sia il loro modello di riferimento. Un giorno, parlano di proporzionale, un altro di Mattarellum; stessa cosa il Movimento 5 Stelle, che è passato dal volersi tenere il Porcellum al Mattarellum. Insomma, la questione non si risolve con le dichiarazioni. Quando ci sarà un testo su cui votare, sapremo se effettivamente ci sarà una convergenza.

 

Quale sarà l’iter di formazione della legge?

Già a luglio la Conferenza dei capigruppo della Camera aveva dato l'ok alla procedura d'urgenza per l'esame della legge. Come è noto, tuttavia, la palla passò al Senato. Ora che è tornata alla Camera, l’urgenza votata rimane. Di conseguenza, entro un mese, la commissione Affari costituzionale dovrà predisporre un testo da portare in Aula. La Camera, quindi, potrebbe votare un disegno di legge entro fine gennaio (considerando che in mezzo ci saranno le vacanze natalizie). A quel punto, la Camera non ci metterà più di qualche giorno per approvarla. Da lì, il testo andrà al Senato dove non ci dovrebbe volere più di un mese-un mese e mezzo per votarla definitivamente.

 

Con la nuova legge, che ne sarà del governo?

Se il Parlamento varerà una nuova legge, ciò significherà che la politica avrà iniziato ad agire. Il che, potrebbe produrre riverberi positivi sul governo stesso che, se anch’esso inizierà ad agire, non c’è motivo perché non continui a durare.

 

Cosa ne pensa dell’appello di Napolitano a Forza Italia affinché non abbandoni la strada delle riforme?

Temo che si perderà nel vuoto. Forza Italia ha scelto una linea tale per cui mi pare esclusa ogni forma di collaborazione sulle riforme. Salvo, probabilmente, sull’abolizione del Senato, dal momento che ha sempre fatto parte del suo programma. 

 

(Paolo Nessi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
18/12/2013 - legge elettorale e dogma del bipolarismo (ottavio di stanislao)

Secondo Giacchetti con il Mattarellum si rafforzano il bipolarismo e la possibilità di scelta del cittadino. Alla luce dell'esperienza dell'ultimo ventennio difendere questo bipolarismo è masochismo puro. Il bipolarismo avrebbe senso se si offrissero agli elettori opzioni chiare e alternative non se si specula sulla forza d'inerzia di appartenenze novecentesche con poca o nulla attinenza alla realtà odierna. Col il Mattarellum si "scelgono" sempre e comunque personaggi fedeli alle segreterie dei partiti. Non a caso in quegli anni sono stati candidati amanti,mogli, mariti, parenti, amici ecc. senza particolari meriti se non quello della fedeltà al capo. Io vorrei scegliere non solo il partito ma anche il candidato, fra persone che in un territorio si sono distinte per l'impegno che hanno profuso nella gestione della cosa pubblica. Vorrei capire se queste mie valutazioni sono cose sensate o sono socialmente pericoloso...