BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

MANOVRA/ 2. Fontana (Anci): la promessa del governo non basta, non mi fido

Attilio Fontana (Infophoto)Attilio Fontana (Infophoto)

Un emendamento proposto da NCD e approvato con i voti del Pd prevede tagli delle risorse per i Comuni e le Regioni che faranno provvedimenti tendenti a fronteggiare e a ridurre lo sviluppo del gioco d’azzardo. Il governo ha scelto cioè di penalizzare chi contrasta il gioco d’azzardo. E’ una vergogna, soprattutto per chi fa della morale pubblica una battaglia.

 

Quali servizi comunali saranno tagliati per i minori incassi previsti dalla finanziaria?

Tutti i servizi per la collettività, come i servizi sociali, l’assistenza agli anziani, quella ai non autosufficienti, gli aiuti alle mense scolastiche, tutte le attività che svolgiamo per le scuole. Senza poi parlare della manutenzione dei nostri giardini, degli immobili, delle strade, cioè degli arredi urbani che sono sotto gli occhi di tutti. I Comuni non spendono i soldi dei contribuenti per viaggiare in Estremo Oriente o per organizzare feste, ma per ciò che è indispensabile ai cittadini. Invito i parlamentari di qualsiasi partito a venire nel Comune di Varese per controllare che i soldi dell’amministrazione sono spesi solo per i servizi da erogare. E’ chiaro quindi che riducendoci i fondi a disposizione, tagliano automaticamente anche i servizi. Con l’aggravante che non hanno neanche il coraggio di dire che sono loro che non ce li danno.

 

Lei è un leghista della prima ora. Vuole dirci che non ci sono alcuni Comuni che usano le aziende locali per dare lavoro agli amici anziché per creare servizi?

A parte il fatto che questo è innanzitutto il comportamento dello Stato, e quindi se c’è qualche sindaco poco virtuoso che si comporta in questo modo non fa altro che copiare pedissequamente il comportamento della macchina statale e della pubblica amministrazione nel suo complesso. Non ci sono dubbi che ci siano dei Comuni più virtuosi e altri meno. Noi però abbiamo sempre denunciato il fatto che Roma ha un deficit di 13 miliardi, come pure le aziende pubbliche di Catania piuttosto che di Palermo. Nonostante la presenza di qualche situazione non virtuosa, i Comuni virtuosi risparmiano anche per conto di chi non lo è. Quindi il comparto degli enti locali nel suo complesso finisce per produrre un risultato positivo.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.