BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MANOVRA/ 2. Fontana (Anci): la promessa del governo non basta, non mi fido

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Attilio Fontana (Infophoto)  Attilio Fontana (Infophoto)

“La legge di stabilità comporta dei minori incassi tributari per i Comuni, e la conseguenza è che i servizi sociali, l’assistenza agli anziani, gli aiuti alle mense scolastiche e la manutenzione delle strade dovranno essere tagliati”. Lo afferma Attilio Fontana, presidente di Anci Lombardia e sindaco di Varese, commentando il miliardo e 500 milioni di risorse in meno per i Comuni previsto dalla legge di stabilità. Una cifra che si spiega con la diminuzione delle aliquote, la mancata copertura delle detrazioni della Iuc e la nuova tassa sulla casa che nel 2014 sostituirà l’Imu. Di fronte alla protesta dei sindaci, è arrivata la risposta del ministro per gli Affari regionali, Graziano Delrio, che ha annunciato un decreto per correggere le detrazioni delle imposte e restituire ai Comuni 1 miliardo e 300 milioni di euro.

 

Sindaco Fontana, è soddisfatto della promessa del ministro Delrio?

No, non sono soddisfatto perché finché non vedo la legge approvata dal Parlamento non mi fido. Se avessi dovuto essere soddisfatto tutte le volte che sono stati fatti degli annunci da parte del governo, avrei dovuto riempire la mia vita di gioia. Invece non è stato così. Quindi staremo a vedere e poi commenterò quando avremo la certezza. Non si sono trovati 350 milioni di euro per coprire la seconda rata dell’Imu di quest’anno, nonostante ce l’avessero promesso ripetutamente, e quindi non mi posso fidare ora di una semplice affermazione. Se fosse vero quanto afferma il ministro Delrio, gli chiederemo i 200 milioni che mancano, in quanto il governo coprirebbe 1 miliardo e 300 milioni su 1 miliardo e 500 milioni che ci deve. Quindi ci sentiremo soddisfatti solo il giorno in cui saranno coperti tutti quanti.

 

L’Anci ha dichiarato che il governo non ha rispettato le promesse. A che cosa si riferisce?

La prima promessa era che la seconda rata sull’Imu sarebbe stata interamente pagata dal governo, e non è stato così. Il consiglio dei ministri aveva inoltre costituito una commissione allargata ai sindaci per studiare la nuova fiscalità locale, ma dopo la prima riunione non si è fatto più niente. Letta ci aveva promesso che le risorse per i Comuni sarebbero state migliorate, e invece sono state peggiorate. Ma c’è una cosa che le supera tutte.

 

A che cosa si riferisce?



  PAG. SUCC. >