BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LEGGE ELETTORALE/ Violante: proporzionale e sbarramento, ecco la soluzione

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Luciano Violante (Infophoto)  Luciano Violante (Infophoto)

Penso a un sistema proporzionale con circoscrizioni più piccole delle attuali e con tetti di spesa per la campagna elettorale proporzionali alla dimensione geografica della circoscrizione. Attualmente la Lombardia ha tre circoscrizioni, Lazio, Piemonte, Campania e Sicilia due, mentre ne occorrerebbero molte di più per un bacino attorno ai 500.000 abitanti.

Ma non c'è il rischio che con la legge elettorale che propone si rompa l'unità interna ai partiti e alle coalizioni?
Oggi i partiti sono composti da più anime, e con il sistema proporzionale con voto di preferenza ciascuna componente del partito sosterrà i propri candidati. Ciò complessivamente comporterà un aumento del peso complessivo del partito. Invece nel secondo turno infatti tutti correranno per sostenere il partito, la coalizione e il candidato presidente del Consiglio. Nel secondo turno vi è quindi una sorta di riunificazione delle istanze espresse nel primo.

È favorevole a una soglia di sbarramento?
Perfezionerei il sistema che ho illustrato finora con una soglia di sbarramento del 5%, senza eccezioni,  e propongo che al secondo turno si possano fare le coalizioni tra le singole liste che hanno corso per il primo.

E per quanto riguarda il Senato?
La mia proposta è un Senato delle Regioni composto dai presidenti di Regione ed eletto per il resto dai Consigli regionali e dai Consigli delle autonomie locali.

Il doppio turno alla Camera andrebbe di pari passo con un rafforzamento dei poteri del presidente del Consiglio?
All'interno  di un sistema parlamentare,  ritengo che i poteri del presidente del Consiglio vadano rafforzati. Penso alla sfiducia costruttiva, al potere di nomina e di revoca dei ministri da parte del presidente del Consiglio, e a una serie di altri poteri che collochino il presidente del Consiglio italiano alla pari del cancelliere tedesco, del capo del governo spagnolo o del premier inglese.

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.