BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

L'INTERVISTA/ Alfano: sul lavoro Renzi sbaglia, legge elettorale a 4 condizioni

Angelino Alfano (Infophoto) Angelino Alfano (Infophoto)

Se a questo scopo servono nuove carceri, le costruiremo. Intanto cerchiamo di rendere praticabili alle persone non socialmente pericolose tutte le forme alternative alla detenzione. Non c'è nessun allarme per la sicurezza dei cittadini. I due gravi casi di non rientro dai permessi che hanno riempito le cronache di questi giorni non hanno nulla a che vedere con questo provvedimento, e sono dovuti a responsabilità precise per le quali chi ha sbagliato dovrà pagare. Io dico che assieme alla certezza della pena ci vuole la certezza del diritto. Non ha senso, ad esempio,  tenere in cella gente in custodia cautelare che nel 50 per cento dei casi risulterà poi innocente.

C'è un'inchiesta Stato-mafia dai risvolti indefiniti. Un pm (Di Matteo) minacciato da Cosa nostra. Lei che si dice pronto a inasprire il 41-bis. Le sue intenzioni suonano esattamente come una conferma del fatto che la situazione è preoccupante e lo Stato è costretto sulla difensiva. Cosa risponde?
Lo Stato è assolutamente all'attacco. Uno Stato che arresta trenta persone del clan di Matteo Messina Denaro, tra cui la sorella, il cugino e il nipote del boss, gli sequestra beni per cinque milioni di euro non mi sembra uno Stato sulla difensiva.

(Federico Ferraù)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
27/12/2013 - Rileggere Gamaliele (Luigi PATRINI)

Non so se Taddei abbia ragione: tendenzialmente sono d'accordo con lui,comunque staremo a vedere. Credo che anche Alfano farebbe bene a rileggersi il saggio discorso del saggio Gamaliele (Atti 5, 35-39). Certo Alfano - almeno in questa intervista - fa tante proposte: ma "prima" dov'era? Quando Berlusconi ha avuto per anni una maggioranza più grande di quelle che aveva De Gasperi, quando faceva promesse e promesse, lui d'era? E' solo colpa di Berlusconi se non riuscivano a fare quel che egli prometteva? E' possibile credergli? Io qualche dubbio ce l'ho! Per quanto riguarda la legge elettorale, giusto che si deve capire subito chi ha vinto e chi ha perso, ma il bipolarismo non va bene in Italia: la politica deve essere inclusiva e lo stesso risultato auspicato da Alfano si può ottenere anche con il metodo proporzionale con soglia di sbarramento (come in Germania) e premio di maggioranza (modesto) per la coalizione che si dichiara prima delle elezioni.

 
27/12/2013 - commento (francesco taddei)

dal suo maestro ha imparato il marketing. ma lì si ferma.