BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SCENARIO/ Folli: Renzi fa il patto a "tre punte" e molla la coppia Grillo-B.

Matteo Renzi (Infophoto)Matteo Renzi (Infophoto)

Non lo farà. Ha deciso di essere un riformista e per preservare questa immagine dovrà giocare la sua partita su un terreno completamente diverso da quello puramente destabilizzante di Grillo e, in parte, pure di Berlusconi.

 

Eppure, pare che anche lui consideri Napolitano uno tra i suoi principali avversari.

Al di là di ciò che può pensare, ciò che conta sono le sue iniziative politiche. In tal senso, nei fatti, ha sempre dimostrato di rendersi conto di quanto Napolitano rappresenti un fattore di stabilità di cui ne beneficia lui stesso. Senza il presidente della Repubblica, infatti, il sindaco di Firenze potrebbe trovarsi a dover guidare una situazione ingestibile.

 

A proposito di stabilità: dal momento che, attualmente, Forza Italia sembra aver perso la rappresentatività dei moderati, quanto è rilevante che l’Ncd sopravviva e si affermi?

Indubbiamente, è molto importante. L’Italia è un Paese con una forte anima moderata che, in questa fase, è in cerca di una rappresentanza che ha in parte perduto. C’è, insomma, un grande spazio da occupare e per l’Ncd la partita decisiva inizia con le elezioni europee e prosegue abbracciando l’arco residuo della legislatura. Anche Alfano, infatti, come Renzi e Letta, dovrà dare all’opinione pubblica un forte segnale riformista.

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
28/12/2013 - Renzi, solo Renzi oppure un nuovo PPI per noi? (Ivio Nicola Marongiu)

Insisto: non c'è solo Renzi e la vocazione socialdemocratica del Pd nel nostro dstino. Semplicemente perchè gli italiani sanno che le crisi da noi le hanno sempre risolte i cosiddetti moderati che una volta si chiamarono PPe DC e che oggi non hanno nomi adeguati a rappresentare la maggioranza del Paese. Questo è il punto: qualcuno si dica erede di questa tradizione di politici cristiani e ci tiri fuori dalla confusione che è tanta parte della crisi che subiamo. In Europa c'è un PP che aspetta che in Italia si formi un PP di ispirazione cristiana per rifare l'Europa e quindi l'Italia. Le idee, cioè la teoria, ci sono da tempo, mancano gli uomini coraggiosi, forti e generosi che le applicchino: insomma manca il Partito Popolare. Naturalmente il Sole 24 ore e il Corriere o La Repubblica non suggeriranno mai lo stato del problema italiano e la soluzione che passi attraverso il PP. Appunto per questo loro tifano per il giovame Renzi pensando, come al solito, di poterne tirare le briglie. Ma noialtri, dico noialtri, possiamo veramente anche noi pensare di nasconderci nella criniera di questo cavallino fiorentino?