BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Il gioco di Renzi per mettere le mani sul 2014

Matteo Renzi (Infophoto) Matteo Renzi (Infophoto)

Se – al contrario – deciderà di tentare la via delle urne, dovrà fare i conti con  il marchio d'infamia di aver affondato un governo dove proprio il suo partito è l'azionista di maggioranza. Dovrà giustificare insomma una scelta che sarebbe facile bollare come irresponsabile.

La tentazione di rovesciare il tavolo è forte e traspira dalle parole del sindaco-segretario, quando accusa il governo di essere passato dalle larghe intese alle marchette e soprattutto quando sostiene di non aver nulla in comune con Letta e Alfano, negando una solidarietà generazionale invocata dal premier nella conferenza stampa di fine anno. Loro sono figli della vecchia politica, dei D'Alema e dei Berlusconi, e lui è legittimato dalle primarie. 

Lavoro e riforme istituzionali saranno dunque i banchi di prova del governo, atteso entro due-tre settimane dalla stesura del patto programmatico per tutto il 2014. E lì ciascuno dovrà assumersi le proprie responsabilità. Lo dovrà fare Letta: finito impantanato nelle sabbie mobili dei suoi stessi decreti legge, ha rimediato una figuraccia sul salva-Roma, che è stato costretto da Napolitano a ritirare. Ma allo stesso modo dovrà assumersi le sue responsabilità Renzi, che non potrà alzare l'asticella all'infinito. Basta pensare a temi delicati e che poco hanno a che fare con le emergenze in materia di economia e di riforme, come le unioni gay, o la cancellazione della legge Bossi-Fini sull'immigrazione. Su questi Alfano potrebbe fare concessioni, ma non arrendersi del tutto. 

Se Renzi vuole rompere, la provocazione arriverà probabilmente su questi terreni. Se, al contrario, vorrà dare una reale chance al governo, allora si arriverà a qualcosa di simile a una moratoria sui temi eticamente sensibili, quelli su cui è più facile che un governo di larghe (o medie) intese vada in pezzi.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
30/12/2013 - Renzi chi? (GIANLUIGI PARENTI)

... Renzi fa il solito giochetto dei vetero-comunisti ( altro che prima Repubblica!): sta all'opposizione e anche al governo contemporaneamente...modello anguilla cioè viscido e imprendibile Vediamo che razza di uomo ( e politico ) è sui valori non negoziabili... Speriamo che anche i politici cattolici non si facciano infinocchiare dall'astuto capitone!...meglio mangiarselo mettendolo alla prova Auguri!