BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

148 ABUSIVI/ Vaccaro (giunta elezioni): Beppe Grillo e Berlusconi li usano per creare il caos

Silvio Berlusconi (Infophoto) Silvio Berlusconi (Infophoto)

Non parlerei di malcostume ma di lentezze. Io stesso mi trovo nella giunta per le elezioni e mi rendo conto che si procede troppo lentamente. Ma quando si parla di elezioni e di incompatibilità la cautela è d’obbligo.

 

Com’è il clima in giunta?

Quando le cose sono così forzate, vengono percepite per quello che sono: niente altro che polemiche di giornata.

 

La lentezza è un modo attraverso cui i deputati mirano ad autotutelarsi da eventuali esclusioni?

No. Su alcuni casi ci siamo stati già pronunciati e dall’inizio della legislatura sono già state assegnate varie questioni ai rispettivi relatori e di settimana in settimana si procede con i lavori. Ammetto che ci sia stata una certa lentezza, ma non mi pare che si incida sul Pil o sull’occupazione nazionale. Altre sono le questioni che andrebbero affrontate con molta più prontezza e decisione. Mi dispiace che la polemica politica si concentri su questioni che non riguardano per nulla i destini e gli interessi delle famiglie.

 

Forza Italia e M5S faranno ostruzionismo per mandare in cortocircuito il sistema politico italiano?

Quella di Forza Italia e M5S è un’opposizione in termini un po’ più folkloristici del consueto, ma l’opposizione in quanto tale è sempre stata dura, a tratti veemente e carica di pathos. Mi sembra tutto molto fisiologico, è giusto che si approfitti di ogni circostanza per parlare alla propria base. Anche se in questo specifico caso, a essere decisivo non è come si chiami il singolo deputato ma che cosa fa e quali sono le novità per le famiglie, la tassazione e la possibilità di fare impresa. Quando noi del Pd ci trovavamo all’opposizione ci concentravamo su questi temi per parlare alla nostra gente, non ci mettevamo a fare gli azzeccagarbugli interpretando le sentenze della Corte costituzionale.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.