BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PRIMARIE PD/ Chi è Gianni Cuperlo, il "bravo ragazzo" del Pci che rivuole la prima Repubblica?

Gianni Cuperlo (Infophoto) Gianni Cuperlo (Infophoto)

Dice Cuperlo: ai politici resta da fare la politica onesta. Affermazione apparentemente di buon senso, ma falsa. Perché la corruzione e l’immoralismo diffuse in tutto il sistema pubblico e nella società civile nascono non dal peccato originale, che colpisce i buoni e i cattivi, ma dall’occupazione partitica di Presidenza della repubblica, Governo, Parlamento, Corte costituzionale, Università, Scuole, Amministrazione, Rai ecc.... Tale occupazione non è realizzata in nome delle competenze, dei meriti o dei bisogni, bensì nel nome dell’appartenenza e delle fedeltà di partito, di sottocorrente, di clan. Cuperlo pensa ad un partito intelligente, aperto e, come no!, democratico, ma non si pone minimamente il problema della riduzione del suo spessore di mediazione rispetto allo Stato e alla società civile.

Solo che la storia più recente dell’intero sistema politico dimostra che non è possibile costruire un simile partito, senza che si ritiri dall’occupazione dello Stato e si dedichi di più a interpretare e rappresentare le istanze sociali e civili. La ricollocazione istituzionale dei partiti è la precondizione per la loro riforma. Tra qualche giorno le primarie daranno delle risposte sulla tenuta di Cuperlo. Alcuni sondaggi lo danno Cuperlo al secondo posto, altri sondaggi al terzo.

© Riproduzione Riservata.