BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

PRIMARIE PD/ Sansonetti: la vittoria di Renzi è il funerale della sinistra e del Pd

InfophotoInfophoto

Quella è più complicata da fare. Ognuno vuole la sua, poi bisognerà rispettare i criteri dettati dalla Corte costituzionale… insomma non sarà così facile.

Quale legge elettorale servirebbe a Renzi per fare cappotto?
Quella che la Consulta ha bocciato, perché era l'unico modo per avere il premio di maggioranza. Con le altre leggi elettorali possibili, sia alla Camera che al Senato i rapporti di forze sarebbero simili. Un terzo a Renzi, un terzo a Berlusconi e un terzo a Grillo: chi più chi meno, i rapporti di forze potrebbero essere questi. Però, non è che avendo detto oggi di essere contro l'inciucio, non potrà farlo tra sei mesi. Il trasformismo è male diffuso.

Anche nella nuova Dc di Renzi?
Certamente. Renzi non ha nemmeno bisogno di trasformarsi, perché non si sa bene chi o che cosa sia.

Alcuni hanno osservato che è stata una campagna elettorale priva di idee forti.
Non priva di idee forti, ma di idee e basta. Proprio per questo Renzi non avrà grande difficoltà a modificare le sue posizioni, proprio perché non sono sostenute da nessun impianto ideale. Nessuna legge elettorale in questo momento può favorire la vittoria di un leader, a meno che non si torni al porcellum, il che è impossibile. D'altra parte nemmeno il mattarellum garantirebbe la vittoria di qualcuno.

Renzi vuole fare il sindaco d'Italia. Gli serve un sistema presidenziale col doppio turno.
Quella delle elezioni comunali è una buona legge, ma per avere una repubblica presidenziale occorre una profonda riforma costituzionale.

Che Berlusconi e Grillo non sono ceramente disposti a fare.
Grillo, non credo. Berlusconi non è detto.

(Federico Ferraù)

© Riproduzione Riservata.