BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CL & POLITICA/ La lettera: la vera anti-ideologia? I valori non negoziabili

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

InfoPhoto  InfoPhoto

Caro direttore,
affermare che i valori non negoziabili possono essere una ideologia è un controsenso totale, un'affermazione del tutto illogica. Cos'è infatti una ideologia? E' la sottomissione della realtà a una nostra idea, a una nostra misura, a un nostro progetto; ma i principi non negoziabili affermano esattamente l'opposto: che tutte le idee o ideologie devono essere sottomesse alla realtà, vale a dire alla realtà del valore supremo di ogni singola persona umana, della famiglia, delle libere aggregazioni, della fede religiosa, e via dicendo. Non è mai possibile vivere un valore non negoziabile in senso ideologico: se per esempio io affermo il diritto alla vita di un embrione, affermo il valore di una realtà, di una persona unica e irripetibile, non di un'idea, anche se uso delle idee per esprimere questa affermazione. Perciò dire che i valori non negoziabili sono una ideologia è una sciocchezza belle e buona.

Anzi, va detto esattamente l'opposto: solo i valori non negoziabili sono anti ideologici per loro natura, perché impediscono a qualsiasi ideologia di imporsi sulla realtà e di pretendere di modificarla. Sono essi dunque il vero baluardo contro tutte le ideologie: il baluardo della realtà, dell'essere, e dell'ordine oggettivo che c'è nell'essere.

Oggi il tentativo di tutte le ideologie è quello di rovesciare questo ordine, rifiutando l'obbedienza che esso richiede al disegno stabilito da un Altro, cioè dal Creatore. Ma in realtà questo ordine è oggettivo e riconoscibile come tale dalla ragione: che le cose siano inferiori alle persone, è un dato evidente; e che le persone siano inferiori alla Persona Infinita di Dio è altrettanto evidente. Non lo decidiamo noi, non è una gerarchia inventata dalle nostre idee: è un ordine oggettivo interno all'essere.

C'è di più. Affermare che i valori non negoziabili sono una ideologia è un atto gravissimo, perché getta il discredito su di essi e spinge a non ritenerli importanti, necessari e vincolanti per tutti. E' una irresponsabilità gravissima in questo momento storico, dove tutti stanno cercando di denigrare questi valori, cioè le realtà che essi esprimono. Riecheggia qui il forte monito di Gesù: “Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, gli conviene che gli venga appesa al collo una macina da mulino e sia gettato nel profondo del mare”. (Mt 18)

Chi scoraggia coloro che credono nei comandamenti di Dio, cioè nella gerarchia dei beni dell'essere, si rende responsabile di tutte le conseguenze di questo atto.

Non si può confondere in nessun modo il piano dell'incontro con Cristo con quello dei valori non negoziabili. Sono due cose nettamente distinte. I valori sono un requisito di base necessario per ogni uomo, mentre l'incontro con Cristo è il compimento totale della nostra umanità. I primi non bastano, ma sono indispensabili per tutti; il secondo è l'unica realtà che ci può realizzare, ma non annulla in nessun modo l'indispensabilità dei primi.


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
01/02/2013 - Pavese e il consenso (paolo intino)

Manca qualcosa che non possiamo trovare nella politica: questo suggerisce l'esperienza di ogni giorno. Immaginiamo oggi, in questa campagna elettorale Pavese che ripropone la sua domanda: "Se nessuno ci ha promesso qualcosa perchè aspettiamo?" I politici promettono di tutto e di più, alla ricerca di un consenso che inevitabilmente "deve" ridurre il desiderio inscritto nella nostra carne e di cui dice Pavese. Allora non si tratta di contrappporre ideologia e valori non negoziabili, si tratta invece di non ridurre la portata di un desiderio e di essere protagonisti del proprio destino anche in politica. Anche questo è un valore non negoziabile. E cosa fare se un politico che promette una legge antiaborto, non amasse la libertà di educazione o la sussidiaretà? Lo voterei? Le scelte non si fanno sulla base delle promesse riduttive di un desiderio di vita, ma sul criterio della libertas ecclesiae, cioè del fatto che la politica non salva l'uomo.Da qui partirei per un primo confronto