BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ELEZIONI/ Monti, la trappola del voto "utile" regala il Senato a Berlusconi

Mario Monti (InfoPhoto) Mario Monti (InfoPhoto)

Ma quell’accordo, quand’anche ci fosse, non si può ammettere e rendere pubblico prima delle elezioni, perché disorienterebbe gli elettori e fornirebbe una formidabile arma dialettica alla coalizione maroniana. Il diretto interessato, e cioè l’ex sindaco di Milano Albertini, ha spiegato ancora una volta a Monti che lui pesca fra gli elettori di centro destra delusi. Elettori che mai e poi mai voterebbero a favore di una coalizione eterogenea, quella di Ambrosoli, che arriva alla sinistra più estrema, che infatti non corre per la Regione Lombardia. “Non siamo la succursale del Pd”, ha detto chiaro Albertini.

Monti ha capito che “In Lombardia la Lista Monti si gioca gran parte della sua credibilità”, come ha spiegato il suo candidato emiliano Giuliano Cazzola. Da qui l’intervento per il tramite di Mario Sechi per troncare le voci e imporre uan retromarcia al nucleo milanese del suo movimento. Del resto da casa democratica è arrivato un colpo basso, quella definizione bersaniana di “vittoria di Pirro” riservata all’esito del vertice europeo di Bruxelles, che Monti, al contrario, giudica un grande successo politico e diplomatico.

Per ora dunque i rapporti Pd-centristi segnano un brusco abbassamento della temperatura. Monti non può permettersi una figuraccia nella sua Milano. E per questo Maroni può tirare un sospiro di sollievo: Albertini ci ha messo la faccia e non intende fare sconti. La battaglia lombarda, dove si deciderà probabilmente il futuro assetto di governo, rimane apertissima e promette molti nuovi colpi di scena.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
10/02/2013 - La tentazione (Giuseppe Crippa)

Gli elettori montiani lombardi hanno effettivamente la tentazione di un voto disgiunto alle elezioni regionali perché non piace a nessuno votare per il terzo incomodo (Albertini) che non ha probabilità di vincere. E’ possibile che molti di loro, ed io fra questi, cedano alla tentazione. I “montiani doc” che voteranno Albertini si astengano per cortesia dal consigliarci. Grazie!