BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI/ Berlusconi: intese al Senato? Non serve, per la sinistra c'è il M5S di Grillo

Pubblicazione:martedì 12 febbraio 2013

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Si passa a parlare di Europa e sulla sua credibilità: “Mi fa arrabbiare che dicano che non ho credibilità in Europa e nel mondo. Io sono aperto alla stima degli altri, alla cordialità, all'amicizia, ho grande amicizia con i capi di Stato e di governo. Certamente negli ultimi tempi sono andato in rotta di collisione con la Germania e la Francia perché le proposte mi sembravano negative per l'Europa e inaccettabili per gli altri Paesi”. Mentre sui processi che lo vedono coinvolto ha detto: “Sul presunto atteggiamento dilatorio di cui parla la procura, rispondo che ho dei buoni motivi per non dovermi occupare in questa campagna elettorale delle presenze numerose che mi vengono richieste in tribunale”. E quando qualcuno gli chiede del rapporto tra televisione e comunicazione politica, Berlusconi ribadisce che al momento “soffriamo di una legge sulla par condicio che dà a ogni partito in campo lo stesso spazio di comunicazione, con una altissima frammentazione a favore dei partitini”. Tra i temi trattati anche quello riguardante il matrimonio gay, su cui arriva il deciso “no” di Berlusconi: “Sono esclusi dai nostri programmi mentre sono inclusi i diritti delle coppie di fatto”. C’è tempo anche per fare dell’ironia sui suoi avversari, così Berlusconi, imitando (dopo Bersani) anche Grillo, dice del Movimento 5 Stelle: “Abbiamo avuto la pessima sorpresa che più dell'80% dei suoi candidati sono persone che hanno già fatto politica ai livelli non nazionali e appartengono all'ambiente dell'estrema sinistra, dei centri sociali e dei no Tav. Tra questi la sinistra può trovare candidati di sostegno, magari con un cambiamento di casacca che vedo possibile, perché non vedo questo gruppo di Grillo così compatto”. C’è anche chi si lascia andare a un libero sfogo sulla sua situazione personale, come Emanuele: “Signor Presidente, io pago 430 euro di affitto di casa e mi restano 70 euro. Pensa che ci arriverò a fine mese? Sfido chiunque ad arrivare a fine mese, mi cambierà qualcosa votando lei?”. Ai posteri l’ardua sentenza.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.