BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI 2013/ La benedizione americana di Napolitano alla "Triplice"

Pubblicazione:

Giorgio Napolitano (InfoPhoto)  Giorgio Napolitano (InfoPhoto)

È toccato a Bersani a questo punto offrirsi come punto di equlibrio. Affermare di vedere Vendola come uomo di governo equivale ad ipotizzarne una sua investitura come ministro nel futuro governo, magari in un dicastero sociale come il welfare. Del resto, dopo quasi due mandati come governatore di una grande regione come la Puglia l’ipotesi non può scandalizzare proprio nessuno. Questa affermazione merita però di essere letta in parallelo con un’altra, quella che non ha senso cercare di dividere Pd e Sel. “Chi attacca Vendola, attacca me”, scandita da Bersani con enfasi, può venire a significare che Bersani stesso si candida ad essere il punto di equilibrio fra il centro e la sinistra: forse il suo sogno è avere Monti all’Economia (così da rassicurare i mercati e sfruttarne la credibilità internazionale) e Vendola al Lavoro (per tranquillizzare una fetta consistente della sua base sociale). A lui il compito di mediare e di arbitrare questo difficile match fra riformismi distanti anni luce, sicuro di riuscire ad avere sempre l’ultima parola.

Fantapolitica? Dipenderà dai risultati elettorali. In fondo a conoscerli manca appena una settimana; e Berlusconi,per assestare qualche colpo ad effetto e tentare un disperato recupero in extremis, ha ormai sempre meno tempo a disposizione.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.