BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI/ Il mattone fa "girare" l'economia: ce lo insegnano i politici Usa...

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Valorizzare questa ricchezza non significa “vendere” o, peggio ancora, “svendere”. Significa sviluppare patrimoni che possano rispondere ai fabbisogni reali della società. Ed è la strada più adeguata per non occupare nuovi territori, ma risanare o rigenerare ciò che già esiste.
Si tratta di una sfida doppia. Da una parte, riguarda chi possiede questi beni perché possa confrontarsi con quelle professionalità in grado di supportare un valido percorso di valorizzazione. Dall’altra, sollecita i professionisti, progettisti, sviluppatori e operatori della finanza a porre le loro capacità ed esperienze imprenditoriali al servizio della comunità.  
La svolta è innanzitutto di natura culturale e presuppone un modo nuovo di fare impresa in questo settore. E’ un cambiamento epocale, quanto necessario e imposto dalla crisi. 
In questo contesto va evitato il rischio di pensare al mondo immobiliare come ad una “vacca da mungere” per risanare i conti dello Stato, né di sognare iperboliche valorizzazioni patrimoniali tanto improbabili quanto fuori da ogni logica di mercato. Dalla politica, al contrario, si attende una capacità di mettere in campo la chiarezza legislativa sulle politiche urbanistiche italiane. Tutti gli operatori del Real Estate hanno bisogno di semplificazione. Il quadro normativo di riferimento va unificato definendo per ogni soggetto il proprio ruolo di responsabilità: lo Stato definendo una legge di principi, le Regioni operando senza logiche di “centralismo locale”, i Comuni garantendo tempi e procedure più certe, i promotori sviluppando progetti chiari e sostenibili.   
A tutto ciò si aggiungano una fiscalizzazione che incentivi, in generale, gli investimenti sullo sviluppo immobiliare e una visione che, in particolare, sciolga il teorema secondo cui investire sulla casa in Italia non è conveniente. 
Forze politiche che non affrontano in modo adeguato questo tema dimostrano di non avere idea di cosa significhi generare sviluppo. Sarebbe interessante che i leader candidati al governo del Paese dessero ascolto alle istanze della comunità del Real Estate e ne traessero spunti di lavoro per i prossimi mesi.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.