BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Rondolino: il dopo Napolitano? Deciderà l'asse Berlusconi-D'Alema (o Grillo)

Da Romano Prodi a Emma Bonino, da Anna Finocchiaro a Dario Fo: a pochi giorni dal voto, ci si chiede chi sarà il prossimo presidente della Repubblica. Ne parliamo con FABRIZIO RONDOLINO

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Da Romano Prodi, ricomparso a sorpresa domenica scorsa a Milano durante un comizio a favore di Ambrosoli, fino a Emma Bonino, recentemente definita da Mario Monti “una candidata molto buona al Quirinale”, ma si parla anche di D’Alema, Dario Fo e perfino della Finocchiaro. Conclusa l’esperienza di Giorgio Napolitano, il quale ha da poco confermato di non ritenere ipotizzabile una riproposizione del suo nome per la presidenza della Repubblica, continuano a rincorrersi voci e indiscrezioni su chi sia al momento il candidato più accreditato per salire al Colle. Secondo il giornalista e scrittore Fabrizio Rondolino, il quale giudica corretta la decisione di Napolitano, al momento nessun nome risulta effettivamente probabile.

E' quindi d'accordo con la scelta di Napolitano?

E' stato sicuramente un gesto molto saggio e sensato. L’idea di prolungare l’esperienza di Napolitano rappresenta solamente lo specchio di una incertezza generale che sta caratterizzando questo particolare periodo politico.

Si riferisce in particolare all'incertezza su ciò che produrrà l'esito del voto?

Sembra ormai praticamente certo che queste elezioni non serviranno a nulla e che dalle urne non verrà fuori alcuna maggioranza politica. E' quindi chiaro che nell’idea di affidare nuovamente la presidenza della Repubblica a Napolitano c’è anche l’idea che ci debba essere sempre qualcuno pronto e capace a togliere la castagne dal fuoco alla politica italiana. Napolitano, giustamente, ha fatto sapere che la sua opera è conclusa e si è chiamato fuori.

Cosa pensa del dibattito in corso, a pochi giorni dal voto, riguardo il prossimo Capo dello Stato?

Si tratta di un dibattito piuttosto insolito. Questa classe politica, pur avendo avuto molto tempo a disposizione, non è stata capace di rigenerarsi e di proporre un’offerta politica capace di affermarsi. Adesso, a tre giorni dalle elezioni, si apre un dibattito surreale sul presidente della Repubblica, ma credo che a riguardo non possano che esserci due possibilità.

Quali?

Il Capo dello Stato verrà eletto o con i voti del Movimento 5 Stelle (e quindi sarà Grillo a decidere), oppure con i voti congiunti di Pd e Pdl, e quindi Berlusconi e D’Alema dovranno mettersi d’accordo. Tutte le altre ipotesi sono solamente chiacchiere.

Ha detto D’Alema?

Sì, ho detto D’Alema perché sono abbastanza convinto che, a fronte della mancata vittoria di Bersani al Senato, sarà lui a riprendere inevitabilmente una posizione di rilievo, ma potrei anche sbagliarmi.

Un commento invece su Prodi? In molti nel Pd sembrano vederlo già al Colle…