BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

AFFLUENZA ELEZIONI 2013/ Video, il ministro Cancellieri contro l'astensione, e sulla polemica-Erasmus dice...

"Votate, votate, votate, invito tutti ad esprimere le proprie idee". Questo l'appello del ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri. I seggi sono aperti dalle ore 8 di oggi.

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

AFFLUENZA ELEZIONI 2013, L’APPELLO DEL MINISTRO CANCELLIERI (VIDEO) - "Votate, votate, votate, invito tutti ad esprimere le proprie idee. Gli italiani con il voto esprimono i loro desideri e quale deve essere il paese che vogliono. Siamo serenamente pronti ad affrontare le elezioni e il clima sarà come sempre molto democratico e molto libero. Mi auguro che tutto si svolga nel migliore dei modi, il Viminale è un palazzo di vetro e tutto sarà alla luce del sole con la massima trasparenza, chiarezza, e comunicazione ai cittadini". Queste le parole del ministro dell'Interno, Annamaria Cancellieri. "Ognuno è libero di esprimere o no la preferenza - ha aggiunto - Ma credo che il voto sia importane per il cittadino, con queste elezioni decidiamo che Paese vogliamo. E quindi è bene che tutti dicano che Paese vogliono perché la democrazia è questa". Riguardo il voto degli studenti Erasmus, il ministro ha spiegato che "purtroppo andava modificata la legge ma non ne abbiamo avuto il tempo. La modifica della legge prevede anche delle partecipazioni delle sedi consolari impegnative e quindi con previsione anche di organizzazione dei consolati diverse. Ma se avessimo cambiato la legge probabilmente la questione del voto Erasmus non sarebbe accaduto. Nel senso che occoorre far sì che tutti i cittadini italiani all'estero anche queli temporanei possano esprimere le loro volontà accedendo alle nostre sedi consolari all'estero. Ma questo richiede una legge e una organizzazione ad hoc del ministero degli Esteri". E ancora: "Le sezioni elettorali nei consolati sono il modo più trasparente rispetto alla spedizione delle schede presso le case, che possono arrivare anche a chi non ha voglia di votare. Tutto questo anche alla luce di quei ragazzi che non hanno potuto votare e questa resta una ferita ancora aperta".