BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ELEZIONI 2013/ Come ottenere le agevolazioni di viaggio per andare a votare

Il ministero dell’Interno rende note le principali condizioni relative alle agevolazioni di viaggioa favore degli elettori che si recheranno a votare presso il proprio comune. I dettagli.

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

In vista delle elezioni politiche e regionali del 24 e 25 febbraio 2013 e del referendum del 10 e 11 febbraio 2013, per il distacco di sette comuni della provincia di Belluno dalla Regione Veneto e la loro aggregazione alla Regione Trentino-Alto Adige, il ministero dell’Interno ha reso note le principali condizioni relative alle agevolazioni di viaggio che saranno applicate dagli enti e società competenti, a favore degli elettori che si recheranno a votare presso il proprio comune di iscrizione elettorale.

Agevolazioni per i viaggi ferroviari - Trenitalia ha stabilito alcune agevolazioni, applicabili ai viaggi degli elettori residenti in Italia ed ai viaggi degli elettori residenti all’estero, che prevedono la riduzione del prezzo del biglietto fino al 70%.

Agevolazioni per i viaggi via mare - Le società di navigazione “Compagnia Italiana di Navigazione” e “Compagnia delle Isole” applicheranno, nell’ambito del territorio nazionale, le consuete agevolazioni a favore degli elettori residenti in Italia e di quelli provenienti dall’estero che dovranno raggiungere il comune nelle cui liste elettorali sono iscritti, per poter esercitare il diritto di voto. Per tali elettori verrà applicata la riduzione del 60% sulla “tariffa ordinaria”.

Agevolazioni autostradali - Le Concessionarie autostradali aderiranno alla richiesta di gratuità del pedaggio, sia all’andata che al ritorno, per i soli elettori residenti all’estero, su tutta la rete nazionale.

Altre agevolazioni di viaggio per alcune categorie di elettori residenti all’estero - Gli elettori residenti all’estero - negli Stati in cui non vi sono rappresentanze diplomatiche italiane, negli Stati con i cui governi non sia stato possibile concludere intese in forma semplificata e negli Stati che si trovino in situazioni tali da non garantire, anche temporaneamente, l’esercizio per via postale del diritto di voto - avranno diritto ad ottenere il rimborso del 75% del costo del  biglietto di viaggio stesso riferito alla seconda classe per il trasporto ferroviario (o marittimo) oppure riferito alla classe turistica per il trasporto aereo.