BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ELEZIONI 2013/ Le fotografie delle schede elettorali e come si compilano

Sono iniziate alle ore 8 oggi, domenica 24 febbraio, le operazioni di voto per il rinnovo del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati. Ma come sono le schede elettorali?

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

ELEZIONI 2013, LE IMMAGINI DELLE SCHEDE ELETTORALI E COME SI COMPILANO – Sono iniziate alle ore 8 oggi, domenica 24 febbraio, le operazioni di voto per il rinnovo del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, insieme alle elezioni del Presidente e del Consiglio regionale di tre regioni, Lombardia, Lazio e Molise. Nel primo caso la legge elettorale prevede, per l’elezione della Camera e del Senato, un sistema proporzionale con premio di maggioranza e soglie di sbarramento. Per l’elezione della Camera possono votare i maggiorenni aventi diritto al voto, mentre per l’elezione del Senato possono votare coloro che, alla data di domenica 25 febbraio, hanno compiuto il venticinquesimo anno di età (clicca qui per il dettaglio su come si vota e clicca qui per il dettaglio sui documenti necessari per votare). Sia per l’elezione della Camera (scheda rosa) sia per l’elezione del Senato (scheda gialla), l’elettore esprime il voto tracciando con la matita un solo segno (esempio, una croce o una barra) nel riquadro che contiene il contrassegno della lista prescelta. E’ vietato scrivere sulla scheda il nominativo dei candidati e qualsiasi altra indicazione. Nelle elezioni regionali, invece, ciascun elettore, con la matita copiativa sulla scheda di colore verde, può: votare solo per un candidato alla carica di presidente della Regione, tracciando un segno sul suo nome e/o, solo nel Lazio e nel Molise, sul  simbolo della lista regionale. In questo caso il voto è valido solo per l’elezione del presidente e non si estende a nessuna lista provinciale. E' possibile votare per un candidato alla carica di presidente della Regione e per una delle liste provinciali ad esso collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste. In tal caso l’elettore potrà esprimere una preferenza per un candidato a consigliere regionale della lista provinciale votata scrivendone il cognome oppure il nome e cognome in caso di omonimia nell’apposito spazio; votare per un candidato alla carica di presidente della Regione e per una delle altre liste provinciali a esso non collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste (cosiddetto “voto disgiunto”). Anche in tal caso potrà esprimere una preferenza per un candidato a consigliere regionale della lista provinciale votata scrivendone il cognome oppure il nome e cognome in caso di omonimia nell’apposito spazio; votare a favore solo di una lista provinciale; in tale caso il voto si intende espresso anche a favore del candidato presidente della Regione a essa collegato. Nelle pagine seguenti ecco le immagini dei fac-simile delle schede elettorali.