BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI 2013/ Il "fantasma" di Craxi si vendica dell'Italietta dei "puri"

Pubblicazione:lunedì 25 febbraio 2013 - Ultimo aggiornamento:lunedì 25 febbraio 2013, 9.29

Bettino Craxi (1934-2000) (InfoPhoto) Bettino Craxi (1934-2000) (InfoPhoto)

Al posto di fare una grande rifondazione dei vecchi partiti nel 1992, ci si è limitati a festeggiare la “caduta dei potenti” di quell’epoca e a non rifondare un bel nulla. Oggi, dopo più di venti anni, ci si rende conto che l’economia è più importante della finanza e che la politica è indispensabile nel governo di una comunità nazionale. Senza politica, c’è solo il vuoto. Che poi viene sempre occupato da altri.

È per lo meno curioso che tutto questo avvenga il 24 febbraio del 2013, il giorno in cui il maggior sconfitto della cosiddetta “prima” Repubblica, il leader ritenuto più colpevole degli scandali del passato, Bettino Craxi, avrebbe compiuto 79 anni. Craxi nacque infatti a Milano il 24 febbraio del 1934.

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.