BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RISULTATI ELEZIONI 2013/ Senato: dati definitivi, ecco le percentuali

Pubblicazione:lunedì 25 febbraio 2013 - Ultimo aggiornamento:martedì 26 febbraio 2013, 2.47

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

RISULTATI ELEZIONI 2013 SENATO: ORE 20,19 PROIEZIONI E DISTRIBUZIONE SEGGI - Resi i noti della settima proiezione a cura dell'istituto Piepoli per la Rai a fronte di una copertura del campione dell'89.3%. Secondo queste proiezioni il centrosinistra si troverebbe in vantaggio seppur di pochissimo con il 31% dei voti. Il centrodestra è a quota 30,4%, il Movimento cinque stelle al 24,4%. Scelta civica di Monti al 9,5%, Rivoluzione civile tocca l'1,9%. In base ai dati disponbili e alle proiezioni invece Ipr Marketing per Tgcom24  ecco qual esporrebbe essere la distribuzione dei seggi al senato.  Nessuno riuscirebbe a ottenere i 158 senatori utili per avere la maggioranza. Nel dettaglio, il Centrosinistra otterrebbe tra i 110 e i 130 senatori, il Centrodestra tra i 104 e i 124, il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo tra i 40 e i 60, la Lista Civica di Mario Monti tra gli 8 e i 18.

RISULTATI ELEZIONI 2013 SENATO: ORE 19,32 DATI REALI IL VOTO IN LOMBARDIA -  La Lombardia sembra saldamente in mano al centrodestra. E' quanto si apprende dai primi dati ufficiali, con quasi la metà dei seggi scrutinati, esattamente 4311 su 9233. Da questi dati si ottiene che il centrodestra si impone con il 38,78% delle preferenze staccando il centrosinistra di quasi nove lunghezze che è al 29,34%. Il Movimento cinque stelle si trova al 16,81% mentre la lista di Mario Monti è al 10,55%. Nonostante il successo del centrodestra si nota la grossa perdita della Lega che dal 30% di due anni perde quasi la metà dei voti. Soddisfatto del risultato al momento è il presidente uscente della Lobardia Roberto Formigoni che ha commentato come i dati al Senato ci danno un vantaggio netto e probabilmente domani ci sarà la vittoria di Maroni in Lombardia. Aggiungendo "I dati finora dimostrano che siamo molto più attivi oggi di quanto le campane che suonavano a morto per noi facessero pensare".


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >