BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

RISULTATI ELEZIONI 2013/ Monti: risultato soddisfacente, da noi nessuna promessa ma progetto realista

Il leader di Scelta Civica ha commentato i risultati del voto: per noi un risultato soddisfacente, siamo partiti da zero in soli cinquanta giorni. Non promesse, ma un progetto realistico

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Per Mario Monti quello ottenuto da Scelta Civica è un risultato soddisfacente. Lo ha detto nel corso di una conferenza stampa in cui ha commentato i risultati elettorali.  Nell'ambito di questi risultati ancora incerti, ha detto, la nostra coalizione ottiene un risultato soddisfacente: era stato ipotizzato un risultato anche leggermente superiore ma devo dire di essere molto soddisfatto alla luce di alcuni elementi innanzitutto i tempi. Ha spiegato che il suo partito  ha dato notizia di questa coalizione il 4 gennaio. Da allora, ha detto, sono passati 50 giorni sabbiamo ottenuto tre milioni  e 300mila elettori. Siamo partiti da zero senza niente alle spalle e devo dire anche con esperienza molto limitata ma è stato come se ogni giorno avessimo acquisito 60mila voti con un programma nel quale non sono state fatte promesse ma articolato un progetto realistico per proseguire un percorso iniziato nella fatica collettiva nel novembre 2011. Ha voluto sottolineare come Scelta Civica viene dopo un’esperienza di governo alla quale siamo stati chiamati per il bene del Paese non per popolarità Per Monti dunque soddisfazione e intenzione di rimanere come forza stabile nella vita politica italiana. I nostri elettori ha detto ancora, hanno fatto una scelta coraggiosa di fronte a un proposta nuovissima che faceva appello al senso di responsabilità. Il risultato ottenuto ha detto  acquista più rilievo una forza politica la nostra che ha fatto appello alla società civile che è mossa da uno spirito di riforma non di conservazione e che ha un saldo ancoraggio all'Europa. Ha lamentato come il parlamento non sia riuscito a fare una nuova legge elettorale. Ha poi detto che un governo adesso bisogna darlo all'Italia sperando che il nuovo esecutivo non cancelli quanto fatto dal suo governo.

© Riproduzione Riservata.