BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ANALISI ELEZIONI 2013/ Ecco perché Berlusconi farà un "patto" con Beppe Grillo

Silvio Berlusconi (InfoPhoto) Silvio Berlusconi (InfoPhoto)

La Lega nord è in forte crisi, ha concluso il suo trend positivo ed è tornata a essere un partito locale molto radicato laddove ha una sua tradizione. La capacità espansiva della Lega, che consisteva nel fatto di raccogliere voti non leghisti, è definitivamente tramontata. Lo sgonfiamento della Lega dipende da questo fattore.

 

Anche il milione di ex elettori del Pd che scelgono Grillo è un dato imponente.

Anche nel Pd c’è stata e c’è ancora una fortissima componente anti-sistema, che è un vecchio lascito della sinistra tradizionale. Queste pulsioni antisistema vanno chiaramente verso un partito che è più credibilmente antisistema di quanto potrebbe essere il Pd di oggi, quale è il Movimento 5 Stelle.

 

Quindi il Pd si è trasformato in un partito di sistema?

Certamente, è un partito di sistema in senso un po’ particolare, in quanto è più statalista, più convinto di un certo tipo di gestione della crisi dall’alto, però sono anni che si è trasformato. Anche il Pci era diventato completamente un partito di sistema. L’onda lunga della sinistra extra-parlamentare ora si sta riproducendo nei grillini.

 

Infine, qual è la sua analisi dei flussi che alimentano la Lista civica di Monti?

Anche questo è un dato che si poteva facilmente prevedere. Da un lato c’è il crollo dell’Udc, che alimenta l’esodo verso la Lista civica di Monti. Una parte di elettori di centrosinistra, come la vecchia ala democristiana, che si era coagulata su un elettorato Pd, è tornata a una formazione più omogenea alle sue origini. Lo stesso vale per gli elettori provenienti dal centrodestra. Anche Monti quindi, pur in piccolo, proprio come Grillo raccoglie elettori provenienti da entrambi gli schieramenti.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
28/02/2013 - Pur di non votare PCI-PD (Moeller Martin)

Il fatto che il PD sia in sostanza fermo al suo 30% dei voti già del PCI suggerisce che il restante 70% degli italiani voterebbe qualsiasi cosa pur di non votare PD-PCI.