BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ELEZIONI 2013/ Barenghi: Bersani, fai come Berlusconi o sei morto

Pier Luigi Bersani (InfoPhoto) Pier Luigi Bersani (InfoPhoto)

Dopo tutti questi anni di “berlusconismo”, dopo tutte le polemiche, i dibattiti e le primarie in grande stile, se il centrosinistra non riuscisse a vincere neanche dopo essere partito in una situazione totalmente favorevole, allora probabilmente non ne sarà mai capace. Poco più di un mese fa il divario con il Pdl appariva incolmabile, oggi si è ridotto intorno ai 5 punti e probabilmente continuerà a ridursi ancora: mi sembra quindi chiaro che in questa campagna elettorale qualche errore c’è stato.

E poi c’è Berlusconi, con le sue proposte shock…

Bersani al momento è circondato, perché oltre a Berlusconi e agli altri avversari politici si ritrova anche a dover fare i conti con le parti della sua coalizione. In questi casi, come in guerra, l’unica soluzione sarebbe quella di effettuare anch’egli una sortita a sorpresa, un’uscita forte quasi come le promesse di Berlusconi. Al momento, però, se l’unica proposta che riesce a tirar fuori Bersani è quella riguardo la legge sul conflitto d’interesse, allora non andrà molto lontano.

Che ipotesi di governo vede quindi all’orizzonte?

Finché non avremo di fronte i risultati elettorali, fare previsioni è davvero molto difficile. Se gli elettori dovessero smentire i sondaggi e se il centrosinistra ottenesse la maggioranza al Senato, allora immagino che Pd e Sel potrebbero provare a governare senza l’aiuto di nessuno. In caso contrario può succedere di tutto, ma sinceramente non vedo alcun governo.

Difficilmente però Bersani potrà scaricare Vendola, non crede?

Scaricare Vendola significa tradire il corpo elettorale e quei 3 milioni di persone che lo hanno votato alle primarie. Quindi, in caso di alleanze obbligatorie, per Bersani si aprirebbe un enorme problema di cui al momento, francamente, non vedo soluzione.

 

(Claudio Perlini)

© Riproduzione Riservata.