BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SONDAGGIO ELEZIONI/ I valori cattolici non sono percentuali, ma interrogano l’'io'

Pubblicazione:sabato 9 febbraio 2013 - Ultimo aggiornamento:sabato 9 febbraio 2013, 9.43

Ci avviciniamo alle elezioni (Infophoto) Ci avviciniamo alle elezioni (Infophoto)

Una questione con cui tocca fare i conti, sulla quale è ambiguo ripetere “scegliete liberamente”. Non datur. Interroghiamoci, cosa ci preme di più? L’obbedienza al magistero è opzionale? Chi cita sempre De Gasperi, ricorderà che non temette di ribellarsi ai diktat clericali, ma non si trattava del concetto di persona e dei suoi diritti. 

Bisogna fare i conti con la realtà. Magari rispondere, la Chiesa ci vuole soggetti adulti, decido io. Ma fingere che il problema non si ponga, o peggio, che non conti poi tanto, questo no, questo è opportunistico e sbagliato. La verità non è relativa alle mie scelte, mai. La verità è. Punto. Poi, come si suol dire, faites vos jeux. Ben sapendo che non si tratta di un gioco, e che la posta in gioco è alta.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
10/02/2013 - l'albero e i frutti (Francesco Lepore)

si dice da anni tra i cattolici non votiamo un partito "non incidente come percentuale"ma uno potente che a parole ci difende insomma il voto utile. Quindi il voto è finito in un partito solo xchè era contro alla sx ,ma i risultati sono le macerie x l'Italia e l'irrilevanza x i cristiani(le poltrone al senato non le ritengo successi della cristianità) Qs discorso utilitaristico sottintende un complesso di inferiorità della proposta cristiana:dai cattocomunisti ai cattoberlusconiani non c'è molta differenza. Non si crede in cio che si propone,non si crede che possa essere x tutti e quindi anche un successo elettorale ma ci si accoda al potente mendicando le briciole SE l'albero si giudica dai frutti bei risultati si sono ottenuti e tutto era scritto da Zverina"non conformatevi alla mentalità di qs mondo" Insomma se non si vota il partito che almeno a parole (ma anche nei fatti vedi Eluana con l'azione di Volontè) non avrà mai incidenza ma poi non lamentiamoci della ns irrilevanza. Sicuramente quel partito ha bisogno di una bel restauro(un grosso restauro) ma almeno c'è. Ha bisogno non tanto del ns voto ma del ns "io" ,infatti il problema non è partitico ma lo diventa mancando il voto di preferenza. se Formigoni fosse rimasto li non ascoltando le sirene e i ricatti di SB(1998).... Ripartiamo da Formigoni non l'ultimo ma quello del 1983\1984 .... ripartire da un'ideale e quindi non impegnammo

 
09/02/2013 - percentuali e scelte (Goggi Ezio)

La Mondo nelle ultime 11 righe del suo articolo pone il problema su cui molti si stanno arrovellando. Certo, con le preferenze sarebbe un'altra cosa, ma non ci sono, e allora? Quanto scritto nella frase tra parentesi sull'UDC (è seria ma non è autorevole in termini percentuali) fa sembrare che l'autrice propenda per quanto scritto più sopra: "il fine giustifica anche mezzi non del tutto condivisibili"; votare cioè un partito meno serio ma che possa avere una percentuale alta. Credo inoltre che, se non ci sono dubbi sulla capacità di Madre Teresa di avere molto chiaro il fine, io sugli altri dei dubbi li avrei: si parte bene ma poi è facile cadere nella tentazione del potere (storie lombarde recenti sono lì a mostrarlo). In questi giorni mi sono riletto i programmi dei 5 principali partiti e nessuno parla degli argomenti riportato dalla Mondo (al massimo li cita in modo contingente). E solo uno (quello non incidente come percentuale) cita il termine "identità cristiana". E allora? Siamo sempre qui ad arrovellarci...

 
09/02/2013 - B e B, andate a quel paese! (Giuseppe Crippa)

Monica Mondo pone con la sua consueta incisività la questione della scelta dei parlamentari cui affidarsi. Fosse possibile esprimere almeno una preferenza, tutto sarebbe molto più semplice. Continuo quindi la mia riflessione pre elettorale – ringraziando la signora Mondo per l’aiuto – e rivolgo un riconoscente (§@#%!!!) pensiero a Berlusconi ed a Bersani, i due che mi hanno negato la possibilità di scegliere direttamente i parlamentari che avrei voluto.