BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

ANALISI/ Jenkins (Guardian): il voto a Grillo? Un no al "regime" dell'euro

Beppe GrilloBeppe Grillo

Nel Regno Unito c’è un largo numero di persone che la pensano come me, in quanto non vedono nessun futuro per l’euro. Ci sono anche persone che sono fortemente contrarie all’Unione Europea, e che vorrebbero che l’Inghilterra non ne facesse parte proprio come la Svizzera e la Norvegia. Quest’ultima posizione è in realtà interpretata da una minoranza degli inglesi. La maggioranza delle persone è invece a favore del fatto di continuare a fare parte dell’Europa, ma non della moneta unica. Il problema è l’euro, in quanto quest’ultimo richiede una struttura onnicomprensiva che disciplini l’economia rendendo inflessibili i prezzi in ciascuno dei singoli Stati.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
10/03/2013 - Euro (Diego Perna)

É vero che l ' euro sta distruggendo la ns economia fatta di piccole e medie imprese, anche a gestione familiare e che lavorano sul territorio, quindi esposte alla diminuzione dei redditi e al decremento rapido di nuovi nuclei familiari che non si formano a causa della mancanza di lavoro. Peró siccome la parola d' ordine é Europa ed euro a tutti costi,vedi Mauro, Monti e tutti quelli che ci vanno dietro, che anche se sono pochi per fortuna, si muovono comunque in un ambiente saturo di cultura dominante fatta di notizie guidate e pilotate, tant' é che articoli come questi sono rari, ed in ogni caso non intaccano le granitiche convinzioni di tanti, che ovviamente hanno buoni motivi economici garantiti per adorare il dio euro e la loro tranquillità apparentemente raggiunta, Poi c' é anche il pensiero diffuso che piccoli imprenditori non innovano ecc.ecc.ecc.ecc. e che quindi la causa non é l' euro, ma lil loro ostinato attaccamento al passato. A questo punto questi ultimi diranno o giá lo hanno fatto: Ma andate tutti a quel paese, riprendiamoci la nostra vita ed il nostro lavoro, il presente ed il futuro, in un modo o nell' altro, prima che è giá troppo tardi.