BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

M5S & CURRICULA/ I "casi Giannino" nascosti nel movimento di Beppe Grillo

Sostenitori del M5S (InfoPhoto)Sostenitori del M5S (InfoPhoto)

Però ho deciso di fare un passaggio in più, aprendo i profili Wikipedia in italiano e inglese e qui iniziano le bizzarrie. I due profili sono molto lacunosi di dettagli e di riferimenti e fonti precise, ma sufficientemente ambigui da dare l’impressione (iniziale) di una persona con titoli di studio di rilievo e attività di consulenza per importanti governi internazionali. Appaiono (apparivano, perché sono in parte stati cancellati) anche attività didattiche presso atenei di prestigio. Tanto basterebbe per legittimarla come esperto di economia.

Peccato che a una successiva analisi emergano alcune incongruenze. Ad esempio, viene citato un Master in studi sul terrorismo presso la London School of Economics, senza citare l’anno. Facendo una ricerca si scopre che a oggi tale Master non esiste presso LSE, ma ve ne è uno presso la ben meno prestigiosa East London University (un master serale). Si cita un PhD presso La Sapienza, senza l’anno di riferimento, ma nella lista degli alunni non si trova il suo nominativo. Per essere più certi, basta una verifica presso l’Archivio nazionale dove devono essere depositate le tesi di dottorato, ma anche qui non risulta nulla.

Le docenze alla Cambridge Judge School of Business sono presentazioni del libro, almeno questo appare e non c’è traccia di una collaborazione didattica più continua. Appare anche la “prima” Scuola estiva di giornalismo investigativo di cui risulta Direttrice. Qui il sito c’è, un po’ scevro di informazioni, ma presenta come partner la Nottingham Trent University e la Durham University. Purtroppo ancora una volta sui siti delle due istituzioni non c’è traccia di questa collaborazione e nemmeno nei docenti della scuola. Certo alla Nottingham Trent University, per la business school rileviamo un intervento con annesso comunicato stampa che dichiara urbi et orbi le importanti esperienze (addirittura, la Napoleoni sarebbe la prima economista ad aver denunciato l’arrivo della crisi…).

Insomma, la faccio breve. Con le dichiarazioni e i comunicati stampa si creano le fonti che poi si collegano per il profilo su Wikipedia et voilà, l’esperto è costruito. Certo, basta un giornalista distratto o un ufficio stampa solerte e fiducioso e il meccanismo si auto-alimenta.


COMMENTI
12/03/2013 - Ulteriore precisazione (Giuseppe Crippa)

Il “cittadino” Roberto Cotti è tale, secondo la definizione data dal dizionario della lingua italiana, perché vive in una città, nel suo caso Cagliari. Ne consegue che tutti i deputati e senatori grillini che vivono in paesi più piccoli (che non hanno status di città) non possono definirsi tali. Da un punto di vista giuridico “cittadino italiano è il soggetto appartenente alla Repubblica, ossia colui il quale gode di un rapporto giuridico e politico di appartenenza e immedesimazione con l'entità statale” Quindi TUTTI i deputati e senatori eletti, di qualunque partito e movimento, SONO CITTADINI.

 
12/03/2013 - Precisazione (Massimo Manca)

NOTA PER LA STAMPA: dal cittadino eletto in Senato Roberto Cotti (Movimento 5 Stelle) Oggi alcuni organi di informazione mi hanno erroneamente attribuito che sono laureato alla Bocconi, in realtà io sono LAUREATO IN ECONOMIA E COMMERCIO A CAGLIARI e SPECIALIZZATO IN ECONOMIA DEL TURISMO ALLA BOCCONI, come ho sempre correttamente scritto e detto in tutti i cv e pure nella presentazione streaming. Vedi video http://youtu.be/_6CW-QMBDDU Cagliari 12 marzo 2013-03-12 Roberto Cotti Cittadino eletto in Senato

RISPOSTA:

Ringrazio della precisazione. Il 5 marzo La Nuova Sardegna (http://lanuovasardegna.gelocal.it/sassari/cronaca/2013/03/05/news/i-grillini-sardi-sara-una-rivoluzione-1.6642858) riferiva: "Chi deve avere polmoni da campione è l’altro senatore eletto da Cinque Stelle in Sardegna, il cagliaritano Roberto Cotti. Quando è stato il suo turno e dopo aver fatto sapere alla platea che è laureato in economia del turismo, alla Bocconi". Nei giorni successivi, diversi articoli si riferivano al dottor Cotti come bocconiano. Non ho trovato traccia della data nella quale è arrivata la smentita, ma ne prendiamo atto, tardivamente. (Luca Solari)