BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Ecco perché Grillo rischia di perdere il controllo del Movimento 5 Stelle

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Se assistiamo a un caos di questo tipo per l’elezione dei presidenti di Camera e Senato, non mi sorprenderei se la situazione precipitasse in breve tempo. Ho paura che presto, tra senatori e deputati, molti esponenti del Movimento 5 Stelle non accetteranno più di veder calpestata la propria dignità, prima di uomo e solo dopo di politico. Poi, ovviamente, anche l’M5S potrebbe durare decenni esattamente come è stato per la Lega, da sempre governata con il pugno di ferro. Anche se, come sappiamo, della Lega non è che sia rimasto poi molto.

 

A cosa potrebbero portare queste tensioni all’interno del Parlamento?

Non credo a un appoggio a Bersani, quindi al raggiungimento dell’obiettivo che sembra ormai essersi posto il Partito Democratico.

 

Cosa intende?

Ovviamente il centrosinistra spera che questi 10-15 senatori del Movimento 5 Stelle che hanno votato Grasso possano rappresentare il primo nucleo di coloro che poi garantiranno la fiducia a un eventuale governo.

 

Considera improbabile questa ipotesi?

Decisamente, anche se prima o poi la pazienza si esaurirà. Stavo assistendo all’ultima polemica, altrettanto curiosa, riguardante la riunione in cui gli eletti M5S hanno stabilito la linea da seguire in Senato, se quella dell'astensione obbligatoria oppure se dare anche la libertà di votare Grasso. In molti si sono lamentati che solo in questo caso non c'è stata alcuna diretta streaming, né video né tantomeno audio. Mi chiedo quale sia la vera ragione, visto che la risposta che ha dato il capogruppo Vito Crimi (“[…] non abbiamo attrezzature se non le nostre personali, e i collaboratori che ci aiuteranno in questo, vi chiediamo di pazientare […]”) non è affatto convincente.

 

(Claudio Perlini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.