BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

BEPPE GRILLO/ Lettera: ecco perché io, elettore di sinistra, stavolta ho votato M5S

Beppe Grillo (InfoPhoto)Beppe Grillo (InfoPhoto)

Dopo la disfatta della Rivoluzione Comunista siamo passati alla Rivoluzione culturale del Movimento 5 Stelle. È ora di dire basta! Basta ai rimborsi elettorali! Basta ai privilegi parlamentari! Basta con questi che sono sempre gli stessi! Beppe ha gridato un malessere che la maggior parte degli italiani aveva coltivato da tempo e con il Programma 5 Stelle è riuscito a introdurre i punti fondamentali sul quale appoggiare il futuro delle persone.

Quello che maggiormente si percepisce quando uno inizia a partecipare al M5S è la volontà di poter cambiare un qualcosa che, ormai da qualche decennio percepivamo come: “È così e così sarà per sempre”.

L’informazione è il punto che maggiormente mi ha affascinato, in quanto la manipolazione di quest’ultima ha provocato in tempi recenti un blocco della scelta. Pertanto un’informazione come quella indicata dal M5S, data da una copertura internet ad alta velocità in tutto il territorio italiano, permetterebbe a qualsiasi individuo di documentarsi da più punti di vista per determinare la propria volontà. La televisione, che ha fatto da padrona fino a oggi, deve terminare a essere solo uno, e neanche il principale, potere d’informazione.

Siamo davanti ad una nuova fase della democrazia che inevitabilmente contagerà tutta la politica. I valori di Sinistra sono finiti? No, ma adesso è il momento di agire. La Rivoluzione culturale è iniziata, e io ne sono protagonista.

 

Luigi Frizzi

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
03/03/2013 - Necessitava un cambiamento! (Silvano Rucci)

Rivoluzione culturale italiana! Finalmente una Rivoluzione culturale italiana concreta e vinta dal Movimento 5 Stelle! Quelli che la scoprono ne comprendono la forza dirompente che potrà realizzare tutti quei cambiamenti mai fatti dai precedenti governi. Sono i nostri figli che diventeranno protagonisti, una buona volta, chiamati ad agire invece di restare disabilitati, nonostante abbiano acquisito cultura. Non si accendono lumi per lasciarli spegnere. Ora non saranno più chiamati “bamboccioni” da coloro che non hanno saputo aprire loro un futuro. E’ giusto che nessuno li fermi dopo che hanno preso coscienza della attuale innovativa ed irreversibile situazione!