BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

QUALE GOVERNO?/ Brunetta (Pdl): disposti a una soluzione "oltre" gli schieramenti

Renato Brunetta (InfoPhoto)Renato Brunetta (InfoPhoto)

No. Dopo aver svolto le consultazioni con i presidenti delle Camere, della Repubblica emeriti ed i capigruppo presenti, conferisce l’incarico esplorativo o finalizzato alla personalità politica che ha le più alte probabilità di avere la maggioranza in entrambi i rami del Parlamento.

 

Il Pdl che soluzione auspica?

Il Pdl, non avendo vinto le elezioni, rispetterà le valutazioni del presidente della Repubblica.

 

Su quale base programmatica potrà essere individuato un accordo di governo?

Noi abbiamo il nostro programma che comprende il taglio dei costi della politica, il rispetto degli obblighi europei, l’abbassamento della pressione fiscale, l’attacco al debito, l’eliminazione dell’Imu e la restituzione di quella già versata. Riteniamo anche fondamentali e condivisibili alcune riforme istituzionali quali quella elettorale o l’introduzione del semipresidenzialismo. Tuttavia, presumibilmente le questioni economiche avranno la priorità.

 

Posto che si riesca a dar vita ad un governo, entro quando si tornerà a votare?

Le elezioni ci sono appena state. E, quando i cittadini si recano alle urne, lo fanno perché la legislatura duri cinque anni. Non c’è motivo, quindi, specialmente in questo momento, per dar vita all’instabilità.

 

Chi è il vostro candidato alla presidenza della Repubblica?

Spetterà alla valutazione della leadership del partito. Per il momento, teniamo gli occhi aperti. Quel che è certo è che le proposte relative ai presidenti della Repubblica, del Senato, della Camera e del Consiglio saranno strettamente legate tra di loro. 

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.