BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BOLDRINI & GRASSO/ La vague francescana che fa comodo per accalappiare i grillini

Pubblicazione:giovedì 21 marzo 2013

Laura Boldrini (InfoPhoto) Laura Boldrini (InfoPhoto)

Ma più mi preoccupa il pauperismo ad hoc, l’accomunare ipocritamente le scelte di un papa, praticate in tutta una vita, con gli intrallazzi per mettere insieme una maggioranza. E questo dopo una campagna elettorale in cui di temi concreti, e la povertà è cosa concretissima, s’è parlato pochissimo, se non per slogan vuoti di contenuti. Alleanze e poltrone, questo s’è visto, da dicembre in qua. Non basta sventolare otto o dieci punti abborracciati e onnicomprensivi per fare un programma di governo.

Ma tant’è, i nostri commentatori di grido hanno scoperto che poveri è bello, come se il programma di papa Francesco l’avessero scritto Stella e Rizzo, e via con l’ammazzacaste, da quelle ecclesiastiche a quelle partitiche. Almeno a vedersi. Non è casta un leader che, primarie o non primarie, si sceglie i suoi uomini e donne per i posti che contano? Se è giunta l’ora della verità, un po’ di coraggio vero, sugli stipendi, va bene, ma soprattutto nell’informazione.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
21/03/2013 - Esempio buonista, va bene lo stesso. (claudia mazzola)

Intanto loro lo hanno fatto! E lo dice una che non è per niente di sinistra.