BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GOVERNO(?)/ Fioroni: Bersani otterrà la maggioranza, ecco come

Infophoto Infophoto

Ci sono anche le autonomie e l’M5S.

 

Lei crede quindi che ci saranno dei senatori grillini disposti a votarvi la fiducia?

Questo possono saperlo solo loro.

 

Per Napolitano, una maggioranza del genere sarà sufficiente per mandare Bersani a chiedere la fiducia di fronte al Parlamento?

Credo che il mandato di Napolitano abbia delineato un percorso chiaro per Bersani, inserendo in esso il programma degli 8 punti e l’ipotesi di una maggioranza che, seppur limitata, lo potrà sostenere.

 

Perché non volete fare l’accordo con il Pdl?

Non è pensabile un accordo di governo con un partito che decide di andare a manifestare in piazza contro un potere dello Stato trattandolo come fosse eversivo quando, in realtà, esercita solamente le prerogative che gli sono state conferite; laddove, oltretutto, abusasse di tali prerogative, ciascun cittadino dispone di strumenti di garanzia di cui avvalersi senza dover mettere a repentaglio, come sta facendo il partito di Berlusconi, la tenuta sociale del Paese. 

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
25/03/2013 - Con Pd si è su scherzi a parte? (Carlo Cerofolini)

Complimenti al Pd ed al suo senso di responsabilità, mentre una guerra economica devastante e senza esclusione di colpi si sta svolgendo nel mondo ed in particolare sta devastando molti paesi Ue, Italia compresa, dato che non c'è oltre tutto una Bce in grado di battere moneta, non è che Bersani creda di essere su scherzi a parte e quindi senta ad es. il bisogno (sic) di confrontarsi anche con Saviano? Per il bene del Paese è bene che Bersani passi la mano, si faccia un governo di larghe intese con "pochi" obbiettivi ma buoni: abbattere pressione fiscale eliminare Imu e restituirla, pagare subito con Cdp imprese, ridurre Irap, defiscalizzare nuove assunzioni, cambiare legge elettorale con doppio turno, modificare Costituzione in senso presidenzialista, Bce banca di ultima istanza, farsi intendere a livello Ue e internazionale (vergogna per i marò, altro che riacquistata credibilità con il "sobrio" governo Monti).

 
24/03/2013 - Cattolici e PD (Pietro Dri)

E' triste constatare come, con argomenti pretestuosi, (addirittura una manifestazione all'esterno del palazzo di giustizia di MI, quando in Italia manifestazioni di ogni tipo si fanno ad ogni piè sospinto) i cattolici contiunino ad essere pervicacemente la stampella di una forza politica il PD, di fatto conservatrice, statalista, relativista e nichilista. Vada pure a rotoli il bene nella nazione pur di non trattare con il PdL((non si tratta con il leader votato da 1/3 degli italiani!!). Complimenti on Fioroni! Pietro Dri