BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

QUIRINALE/ Dini: un capo dello Stato bipartisan? Non è detto...

Per LAMBERTO DINI, la larga intesa e il consenso sulla figura del presidente si trovano attraverso una persona che al momento è ritenuta adatta e possiede le caratteristiche necessarie

Lamberto Dini (InfoPhoto)Lamberto Dini (InfoPhoto)

Lamberto Dini è una delle figure istituzionali indicate dai quotidiani come possibile presidente della Repubblica. L’ex presidente del Consiglio, e successivo ministro degli Esteri, è stato inserito nella rosa dei cosiddetti “quirinabili” insieme a Franco Marini, Sergio Mattarella, Annamaria Cancellieri e Giuseppe De Rita. In lista anche Giuliano Urbani, Giuliano Amato e Romano Prodi.

Lamberto Dini, leggiamo che lei è una delle figure che potrebbero essere scelte come capo dello Stato. Che cosa ne pensa?

I nomi che vengono fatti in questo momento sono tanti e sono diversi, ma nessuno di questi è stato contattato dai partiti, e pertanto non c’è nulla da commentare.

E’ una notizia destituita di ogni fondamento?

No, non è destituita da ogni fondamento. I giornali riportano posizioni e nomi fatti all’interno dei principali partiti, che sono quindi ripresi dalla stampa.

Lei è stato contattato da qualcuno?

No; ma nessuno è stato contattato. I negoziati su questo argomento devono ancora incominciare.

Come valuta il modo in cui Napolitano sta gestendo la crisi politica?

Sta facendo molto bene, come ha sempre fatto tutto molto bene, e non c’è quindi niente da aggiungere.

Quali caratteristiche deve possedere il candidato ideale del Quirinale?

La figura sarà definita dai principali partiti, che contribuiranno alla nomina del presidente della Repubblica. Individueranno la personalità che ritengono essere la più adatta in questo momento a ricoprire la posizione di capo dello Stato.

Di quale maggioranza deve cercare di godere il nuovo presidente della Repubblica?

Deve godere di un largo consenso e una larga maggioranza delle forze presenti in Parlamento.

Dunque una figura che sia bipartisan e non strettamente di area?

Questo non è strettamente necessario: ci sono persone gradite all’una e all’altra parte politica. La larga intesa e il largo consenso si trovano in questo modo, attraverso una persona che al momento è ritenuta adatta avendo le caratteristiche necessarie per poter coprire l’alta magistratura della presidenza della Repubblica.

Prima però non mi ha detto quali caratteristiche deve possedere questa figura…