BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GOVERNO/ Crimi (M5S): se Napolitano fa un altro nome è tutta un'altra storia

Pubblicazione:mercoledì 27 marzo 2013

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

“In assoluta trasparenza ho cercato di mettere insieme le forze politiche di fronte ad un’occasione vera di cambiamento, un’occasione precisata e strutturata che riguarda da un lato un governo che risponda immediatamente ad esigenze impellenti e dall’altro le riforme strutturali da cui parliamo da tempo”. Il leader del Partito Democratico Pier Luigi Bersani, dopo il nulla di fatto dell’incontro con la delegazione del Movimento 5 Stelle, ha confermato che è sua intenzione riferire domani al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sull’esito delle consultazioni per la formazione del nuovo governo. “Le forze parlamentari si stanno prendendo le loro ore di riflessione – ha detto - domani attendo una risposta conclusiva”. La posizione del M5S, ribadita oggi dai due capigruppo Vito Crimi e Roberta Lombardi durante l’incontro trasmesso in streaming con il premier incaricato, è fin troppo chiara: non ci sarà nessun appoggio a un governo Bersani e i parlamentari del Movimento di Grillo non hanno alcuna intenzione di uscire dall’Aula per consentire la nascita del governo. Appoggiare un esecutivo guidato da Bersani, ha spiegato Vito Crimi, significherebbe "dare una fiducia in bianco, un atto forte in cui si danno le condizioni per la costruzione di una maggioranza stabile. Noi, anche per il mandato che ci hanno dato gli elettori", dai quali arriva "un messaggio quasi unanime di non dare fiducia in bianco, non ce la sentiamo davvero di poterci fidare. Vogliamo le prove". Lo stesso Crimi poi aggiunge: "Non abbiamo nessuna remora ad essere forze in grado di provare a formare un governo, sulla base di un programma che potrebbe essere condiviso in larga parte dalle forze politiche. E se il presidente Napolitano pensa ad un governo Cinque Stelle, noi siamo pronti". "Se Napolitano fa un altro nome è un'altra storia", ha detto. "E' bene che il Pd non lo faccia, altrimenti lo brucia. Non voteremo mai un governo targato Pd, anche se guidato da una terza persona".



© Riproduzione Riservata.