BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CONSULTAZIONI BIS/ Napolitano-Grillo 2-1 (primo tempo)

Giorgio Napolitano non dà le dimissioni e convoca due commissioni di saggi per fare le riforme. Quale sia il significato di questa mossa lo spiega ANTONIO POLITO

Giorgio Napolitano (InfoPhoto) Giorgio Napolitano (InfoPhoto)

Dopo il fallimento del secondo giro di consultazioni Napolitano che aveva valutato seriamente di dare le dimissioni in modo da favorire il ritorno alle urne, ha preso la strada opposta. Ha detto chiaramente che resterà al suo posto fino all'ultimo giorno e ha chiesto di formare due gruppi di cosiddetti "saggi", uno dedicato all'individuazione di alcuni punti fondamentali di riforma politico-istituzionale, e uno dedicato alle riforme economico-sociali. Che cosa significhi tutto questo ilsussidiario.net lo ha chiesto a Antonio Polito: "Siamo davanti alla vittoria di Grillo: il suo obbiettivo sin dall'inizio era quello di non far nascere un governo e ci è riuscito". Napolitano invece con la decisione di rimanere al suo posto "fa sì  che si allontani la data di elezioni anticipate e che si eviti di votare per il nuovo capo dello Stato in questo clima di pesante conflittualità".

 

Come giudica quanto detto da Napolitano dopo il fallimento del secondo giro di consultazioni? 

Il capo dello Stato ha confermato di aver valutato l'ipotesi delle dimissioni e che poi alla fine l'ha scartata. Anche se non posso far molto per la formazione di un governo, ha detto, resterò al mio posto per favorire possibili convergenze politiche. Anche perché bisogna sempre ricordare che l'Italia è una Repubblica parlamentare e i governi nascono in Parlamento: il Capo dello Stato può favorire il processo di formazione, ma poi decidono i partiti.

 

In che modo Napolitano può dare ancora un contributo in questo clima politicamente così pesante?

I partiti oggi sono in una situazione di insormontabile inconciliabilità. Napolitano questo lo riconosce ma almeno con la sua decisione è come se dicesse: posso fare qualcosa fino all'ultimo giorno per favorire la nascita di un clima diverso, cioè di maggior dialogo per affrontare le funzioni che il Parlamento deve compiere. Che non sono solo quelle della nascita di un governo, ma anche quelle dell'elezione del nuovo capo dello Stato. Personalmente ritengo che il senso di questa scelta di non dimettersi ottiene un duplice risultato.

 

Quale? 

In primis allontana l'ipotesi di elezioni anticipate o almeno le rende più difficili in tempi brevi. Questo perché il nuovo capo dello Stato si insedierà non prima del 15 maggio e dovrà necessariamente svolgere almeno un tentativo per far nascere un nuovo governo. Quindi si presume che lo scioglimento eventuale delle camere non potrà che avvenire se non dopo il 20, 25 di maggio. Questo  comporta che il voto non possa avvenire prima di luglio e un voto a luglio sarebbe piuttosto difficile. Quindi la sua decisione di non anticipare le dimissioni evita un precipitare convulso verso elezioni imminenti. 

 

Il secondo obbiettivo invece?

Il secondo obbiettivo che ottiene (considerando che se si fosse dimesso e si sarebbe votato fra sette giorni per il capo dello Stato) è di evitare di eleggere in questo clima politico di grande contrapposizione il suo successore. Inevitabilmente la scelta sarebbe avvenuta a maggioranza e a maggioranza abbastanza risicata quindi sarebbe stata una scelta partigiana . E' sperabile che questo mese invece aiuti a trovare un accordo più ampio sul capo dello Stato.

 

Napolitano ha poi ricordato che il governo Monti continua a operare. I grillini hanno fatto sapere che di fatto questa situazione a loro piace e li vede favorevoli: si può parlare di vittoria del Movimento cinque stelle?


COMMENTI
31/03/2013 - I SAGGI (ALFREDO GALLI)

Bravo Presidente,tr i Saggi non ha inserito alcun esperto proveniente dal mondo industriale,eppure migliaia di aziende stanno chiudendo e forse qualche suggerimento di persone che vivono questa tragica realtà sarebbe stato utile.