BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SANTORO/ Proposta governo: Rodotà presidente, Gino Strada alla sanità, Milena Gabanelli all'istruzione

Stefano Rodotà presidente del consigio: è la proposta di Michele Santoro che invita a votare il suo governo sul sito del programma Servizio pubblico

Foto InfophotoFoto Infophoto

Anche Michele Santoro fa la sua proposta di governo, e lo fa scendendo nei dettagli addirittura nominando i ministri. Si tratta di una provocazione ovviamente, ma mica tanto. La proposta di governo che secondo il conduttore di Servizio pubblico potrebbe essere gradita sia al Pd che al M5S dando così finalmente vita a quella coalizione governativa che non sembra possa spuntare, sarà messa online sul sito del programma stesso e si potrà votare. Insomma, in perfetto stile grillino: si potranno così conoscere i gradimenti degli italiani al proposito. Vediamo allora cosa propone Michele Santoro. Come presidente del consiglio abbiamo Stefano Rodotà, un nome che è già spuntato da altre parti come sinonimo di personaggio super partes. Al ministero degli interni lo stesso ministro attuale e cioè Anna Maria Cancellieri, unica sopravvissuta del governo Monti insieme a Fabrizio Barca, attuale ministro della Coesione territoriale che Santoro invece vorrebbe allo sviluppo economico. Poi cominciano i nominativi senz'altro provocatori, come quello della giornalista di Rai Tre Milena Gabanelli all'istruzione. Con lo stesso sentimento Santoro propone il fondatore di Emergency Gino Strada alla sanità. Sono due nomi che ovviamente non potranno mai risultare graditi al centro destra. Come ministro della difesa viene invece proposto il generale Fabio Mini, al ministero degli esteri avremo Laura Boldrini, alla cultura lo storico dell'arte Salvatore Settis. Vediamone altri nomi di questo improbabile esecutivo: nientemeno che il segretario della Fiom per il posto di ministro del Welfare; alle Politiche Agricole Carlo Petrini, fondatore di Slowfood.


COMMENTI
05/03/2013 - Ovviamente (agostino nonini)

si tratta di un giochino (anche se non mi pare il tempo).Però la signora Gabanelli la vedrei bene come ministra di un Ministero antisprechi, antimbrogli e antiprivilegi immeritati.