BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FERMARE IL DECLINO/ Zingales: vi spiego come è andata con Giannino. Io leader di Fare? Può darsi

Pubblicazione:giovedì 7 marzo 2013

Infophoto Infophoto

Parla Luigi Zingales. L’ex componente della direzione di Fare per fermare il declino, artefice della caduta di Oscar Giannino, spiega, interpellato da Il Corriere della Sera, le ragioni del suo gesto (denunciare Giannino per non aver mai conseguito un master all’università di Chicago). Per giorni l’economista è stato insultato su internet, additato come servo di Berlusconi. Giannino, infatti, decidendo di dimettersi in seguito alla scandalo prodotto dalla sua piccola bugia, ha praticamente azzerato il risultato elettorale del neonato partito. Che, prima del suo abbandono, era accreditato, in Regione Lombardia al 4%. Tutto, spiega Zingales, era iniziato il 12 febbraio, quando gli arrivò «un'email dall'ufficio stampa di Booth: diceva che un giornalista italiano si occupava di una voce di Wikipedia secondo cui Giannino ha un master».Pochi giorni dopo, a Zingales arrivò un'altra mail. Un suo collega di Chicago, dove Zingales insegna, gli diceva che c’era un altro italiano che stava indagando su Giannino e disponeva di un link ad un video in cui affermava di avere un master. Zingales, afferma lui stesso, tentò di chiedere spiegazioni a Giannino, ma lui non rispose. Alcuni giorni dopo «chiedo a Oscar - dice Zingales - di lasciare che un gruppo di persone decida sul da farsi. Lui mi risponde: "Non interrompo la campagna elettorale per farmi giudicare da un sinedrio". A quel punto io non ci ho visto più. All'interno, ho dato le dimissioni per provare a sbloccare l'impasse». Secondo Zingales, aspettare il dopo elezioni non era ammissibile. Il movimento avrebbe perso ogni credibilità e non sarebbe mai stato più in grado di attaccare gli avversari. Non tutto è perduto. Zingales spiega che non ha la vocazione del leader. Ma, se qualcuno gli chiedesse di prendere le redini del movimento, ecco come reagirebbe: «Non lo escludo nella misura in cui ciò nasce dalla domanda delle persone e non dal mio desiderio personale. L'importante è avere un gruppo dirigente all'altezza, ma fin qui non c'è stata neanche una dichiarazione per dire che ho fatto bene a fare chiarezza».



© Riproduzione Riservata.
 
COMMENTI
07/03/2013 - commento (francesco taddei)

bene zingales. ma fare rinunci alla vendita dei gioielli di stato per fare cassa.