BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BERLUSCONI & RENZI/ D’Esposito (Il Fatto Quotidiano): candidano Amato al Colle per "inguaiare" Bersani

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

infophoto  infophoto

Un incontro in gran segreto reso noto a tutta l’Italia; entrambi, evidentemente, avranno avuto il loro tornaconto a fare sapere a chi di dovere di aver incontrato la parte avversaria. Magari, giusto per far sentire Bersani un escluso. Resta il fatto che, su quel che si sono realmente detti Berlusconi e Renzi, in occasione del centenario della nascita di Pietro Barilla, aleggia il mistero. I due, come è ovvio, hanno parlato di governo e Quirinale. Sembra che Renzi abbia avanzato l’ipotesi di sostenere – attraverso i suoi – Amato o Prodi. Preferibilmente Prodi. Ovvia la risposta dell’ex premier, sia sul primo (può darsi) che sul secondo (mai). Fabrizio D’Esposito, firma politica de Il Fatto Quotidiano, ci spiega quale potrebbe essere stato realmente il contenuto dell’incontro.

Perché Renzi incontra Berlusconi? Non lo sa che lo accuseranno per l’ennesima volta di intelligenza col nemico?

Renzi non ha mai accettato la linea della demonizzazione dell’avversario. Di recente, in televisione, ha ribadito che non parlerà mai male di un rivale politico in campagna elettorale. D’altro canto, quando iniziò a girare l’Italia in camper per la primarie, il primo obiettivo che si pose fu quello di recuperare il voto dei berlusconiani scontenti.

Neanche Bersani, tutto sommato, ha mai particolarmente demonizzato l’avversario

E’ vero. Lui è  un riformista che non ha mai disdegnato il dialogo. Tuttavia, il risultato elettole gli ha imposto di chiudere ogni spiraglio con Berlusconi.

Nel partito sembra che siano ormai in pochi a pensarla come il segretario

Bersani, effettivamente, oggi è di fatto isolato. Tuttavia, l’invettiva di Renzi contro Marini e la Finocchiaro determinerà dei riposizionamenti dei colonnelli. I quali restano in disparte ad assistere allo scontro quasi personale tra Bersani e il sindaco di Firenze senza prendere, per il momento, una posizione netta. In particolare, sanno che un qualche genere di accordo sul governo è necessario e che difficilmente sarà Bersani a poter guidare il prossimo, ma si guardano bene dal promuovere esplicitamente un accordo con Berlusconi che apra anche ad un'ipotesi di governo con il Pdl.

Qual è l’obiettivo di Renzi nel contestare la candidatura di Marini e della Finocchiaro?



  PAG. SUCC. >