BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ELEZIONE NAPOLITANO/ Carron (Cl): un gesto di libertà al servizio del bene comune

Pubblichiamo il testo del telegramma che JULIAN CARRON, presidente della Fraternità di Comunione e Liberazione, ha inviato al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

Giorgio Napolitano (Infophoto) Giorgio Napolitano (Infophoto)

Don Julián Carrón, presidente della Fraternità di Comunione e Liberazione, ha inviato il seguente telegramma al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano:

Rimini, 21 aprile 2013. Illustrissimo Signor Presidente, 24.000 aderenti alla Fraternità di Comunione e Liberazione, radunati a Rimini per gli annuali Esercizi spirituali, hanno appreso la notizia della Sua rielezione.

«Mi muove in questo momento il sentimento di non potermi sottrarre a un’assunzione di responsabilità verso la nazione, confidando che vi corrisponda una analoga collettiva assunzione di responsabilità». Il suo gesto di libertà aumenta l’ammirazione per la Sua persona.

In questo drammatico momento Lei ci appare come una risorsa per l’Italia, di fronte all’urgenza di riprendere la strada di una vera pacificazione che ottenga quel bene così necessario per la vita personale e sociale.

Pur consapevoli dei nostri limiti, come credenti educati da don Giussani alla passione per il destino dei fratelli uomini, desideriamo offrire la nostra testimonianza, insieme a ogni uomo di buona volontà, come contributo per sbloccare la situazione, affermando il valore dell’altro nella ricerca del bene comune al di sopra di qualsiasi interesse particolare.

Comprendendo il peso enorme della nuova responsabilità, Le auguriamo di ottenere ciò per cui ha accettato questo grande sacrificio.

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
22/04/2013 - commovente (Claudio Baleani)

Il messaggio è commovente e ragionevole. Chissà che non contribuisca a placare questa pulsione di morte e la presunzione che ci tiene prigionieri?