BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NAPOLITANO/ 1. Lo schiaffo di un padre

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Giorgio Napolitano (InfoPhoto)  Giorgio Napolitano (InfoPhoto)

Custode di questa lunga memoria, Napolitano dice a tutti gli italiani che si può e si deve guardare avanti. A condizione di tornare a guardare la storia, come sfondo e contenitore della pur importante vita quotidiana di ciascuno. Come appoggiato idealmente a quel lungo arco di storia che ha attraversato con la sua lunga vita, Napolitano dà una sonora lezione a quella classe politica che da anni è vittima dei suoi stessi giochi, degli intrighi e delle lotte intestine e che troppo spesso nasconde, dietro a fiumi di parole e di richiami ai valori, miseri disegni di potere.

Per la seconda volta in 18 mesi, Napolitano prende così per mano il sistema politico e lo rimette in piedi. A mani nude, lui, un uomo di 88 anni, fa quello che tutti noi non riusciamo a fare. Nelle prossime ore, come già negli ultimi due giorni, i ringraziamenti e le lodi suoneranno all'unisono. Ma, spetta a noi, all'opinione pubblica, vigilare contro l'ipocrisia. L'unico modo di ringraziare il Presidente è far proprio il suo spirito, che vede il potere come servizio orientato al bene comune nella capacità di dare cittadinanza all'altro come condizione per la ricerca delle necessarie convergenze.

Ecco, servizio, bene comune, responsabilità, riconoscimento reciproco, concretezza: è da questo vocabolario, distintamente riconoscibile nel discorso del Presidente, che può nascere una nuova stagione per la repubblica, un nuovo futuro per i nostri giovani, un nuovo respiro per l'Europa.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
23/04/2013 - a mani nude... (alcide gazzoli)

il realismo dello "sperare contro ogni speranza" di questo 90nne col suo ideale di bene comune, risulta ancora più tenace del cinismo, della pigrizia e della sfiducia che sembra aver avvelenato questo ns. popolo e i suoi capi.

 
23/04/2013 - Ci può essere un domani (Claudio Baleani)

Speriamo che basti per dissuadere l'Italia dal buttarsi dalla finestra.