BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GOVERNO LETTA/ 2. Il senatore renziano: è la prova che Berlusconi teme Renzi

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

Credo che il Pd non potrebbe sperare di aver un leader migliore.

 

Veniamo al governo: crede che sarà, prevalentemente, politico?

Non ne dubito. E’ necessario come non mai che i partiti ci mettano la faccia. Anche perché abbiamo visto che quando non si impegnano direttamente nei governi, non si fanno molti problemi a toglierli la fiducia.

 

Il Pd ha posto dei veti su qualcuno in particolare?

Non mi risulta. Non credo, del resto, che si debba partire dai veti, in questo momento.

 

Non c’è il rischio che, con il governo di larghe intese, il Pd si spacchi?

No, anzi, ne uscirà più forte di prima.

 

Scusi, però il Pd si è già spaccato su un’ipotesi di larghe intese.

Sì, ma questa volta il partito ha definitivamente toccato con mano che non c’erano alternative. In sostanza, nonostante sia stata una scelta travagliata, si è sposato quello che Napolitano ha definito il principio di realtà.

 

Letta ha mantenuto una riserva circa il suo incarico e ha detto che il governo potrebbe non essere istituito a tutti i costi. I tempi, rispetto a quelli previsti, si allungano leggermente.

La riserva non riflette una difficoltà, ma serietà.

 

Eppure, Napolitano vuole un governo, lo vuole subito e vuole che sia forte.

Le affermazioni di Napolitano e quelle di Letta denotano semplici sfumature e non due linee alternative. Semplicemente, Letta, prima di decidere, ha ritenuto di aver bisogno di prendersi qualche ora di tempo per poter ascoltare tutti.

 

Letta ci ha tenuto a sottolineare la sua stima e la sua amicizia con Amato e Renzi. Renzi potrebbe essere coinvolto nell’attività di governo?

Credo che la frase di Letta sia da interpretare in due modi: anzitutto, l’espressione riflette la capacità di dialogo che ha sempre caratterizzato l’attuale premier; in secondo luogo, credo che, alla luce di quanto è accaduto di recente, Letta si auguri che Renzi possa svolgere un ruolo unificatore all’interno del partito.

 

(Paolo Nessi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
25/04/2013 - Berlusconi TEMEVA Renzi (luca barbieri)

ma da quando ha candidato Prodi politicamente si è suicidato.