BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BEPPE GRILLO/ L’M5S divide la comunità ebraica di Roma. 8 consiglieri si dimettono “contro“ il presidente

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Otto degli esponenti della “Giunta di coalizione” della comunità ebraica di Roma hanno deciso di dimettersi in polemica con il presidente della comunità capitolina, Riccardo Pacifici. Oggetto del disaccordo, è stata la sua denuncia di alcuni elementi antisemiti che secondo lui caratterizzerebbero Beppe Grillo e il Movimento 5 Stelle. Intervistato da Haaretz aveva detto che l’Italia non è priva di rigurgiti antisemiti e che tali rigurgiti trovano spesso nel partito di Grillo e nel suo blog una cassa di risonanza. Pacifici era giunto a ipotizzare un futuro un cui gli ebrei siano costretti a lasciare l’Italia. Aveva detto che, nonostante non sia ancora giunto il momento di fare le valige, è giunto, tuttavia, quello di comprarle. Un’altra affermazione riportata da Haaretz era stata, invece, smentita. Il quotidiano israeliano, infatti, gli aveva attribuito l’opinione secondo cui Grillo sarebbe peggio del fascismo. Gli 8 consiglieri che si sono dimessi sono: Guido Coen, Giacomo Moscati, Victor Magiar, Livia Ottolenghi, Serana Terracina, Emanuele Pace, Massimo Bassan e Dora Piperno. Ciò che, in particolare, contestano a Pacifici, è la sua strategia comunicativa. «Particolarmente grave e intempestivo, in questo delicato momento della vita pubblica italiana – hanno dichiarato -, è l'ultimo episodio, la sua intervista rilasciata ad Haaretz e appresa dai consiglieri solo attraverso i mass media, anche se in parte esprime preoccupazioni condivisibili».



© Riproduzione Riservata.