BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SCENARIO/ 1. Sansonetti: Renzi balla sulle teste di Bersani e Napolitano

Secondo PIETRO SANSONETTI il sindaco di Firenze, oltre a prepararsi alla prossima campagna elettorale, pensa di avere qualche chance di essere nominato presidente del Consiglio

InfophotoInfophoto

A sinistra più che a destra, molti erano felici, convinti di averlo archiviato come un qualunque galletto che avesse osato troppo. Ma se, perse le primarie, la strategia era tacere, ora conviene parlare. L’impressione è che Renzi non si accontenti di veder passare il cadavere del suo nemico lungo il fiume. Tanto più che Bersani è ormai innocuo. Sta osando ed esterna perché vuole tutto. Il partito, la premiership, Palazzo Chigi. Anche le bordate contro i saggi - «perdiamo tempo» - sono tattiche. Mentre così diceva, il suo interlocutore, idealmente, non era Napolitano (che pure gli ha replicato: «non mi pare di perder tempo») ma gli italiani. Quasi a convincerli che l’unica soluzione sia lui stesso. Il commento di Piero Sansonetti, direttore de Gli Altri e di Calabria Ora.


A cosa punta Renzi?

Pensa di avere qualche chance di esser nominato presidente del Consiglio ed è convinto di potersi giocare alla grande la prossima campagna elettorale.

Partiamo dalla presidenza del Consiglio.

Renzi, dopo l’elezione del nuovo presidente della Repubblica, potrebbe essere chiamato come “salvatore della patria” . E’ ragionevole, infatti, che venga scelto qualcuno del Pd. E lui, oltre a non essere sgradito a Berlusconi, potrebbe spaccare il fronte grillino.

Non crede che i grillini lo vedano come il fumo negli occhi?

Beh, è pur sempre un rottamatore. Su molte questioni, è sulle loro stesse posizioni. D’altro canto, non è naturale che un gruppo anarchico come l’M5S regga e continui ad esistere come monoblocco unitario. Ancora un po’, è si sfalderà. Tanto più che molti parlamentari grillini non hanno alcuna intenzione di tornare alle urne. Detto ciò, resta il fatto che, a queste condizioni, è altamente improbabile che venga conferito nuovamente l’incarico a qualcuno.

Perché?

Pdl e Pd non riescono a mettersi d’accordo. Prevalentemente, perché se il Pd accettasse l’intesa, si spaccherebbe. L’ipotesi più probabile resta quella delle elezioni anticipate.

A quel punto, Renzi quante chance avrebbe di vincere le primarie?


COMMENTI
05/04/2013 - Con Renzi rischio è riempire con il vuoto il nulla (Carlo Cerofolini)

Facendo un consuntivo della qualità e quantità di quanto ha fatto a Firenze il Sindaco Renzi e inoltre considerando pure quanto da lui era stato messo a preventivo – a mio avviso - è molto probabile che se Renzi diventasse Presidente del Consiglio rischieremmo di riempire con il vuoto il nulla.